Ta Khut, il nuovo osservatorio progettato da James Turrell

ArchiobjectsArchitecture

A Josè Ignacio in Uruguay l’artista americano inaugura, ancora una volta, un luogo simbolo della sua ricerca sulla luce.

Mi piace l’idea di unire l’effimero e il fisico usando la luce come mezzo.

James Turrel

Queste le parole dell’artista americano James Turrell, a proposito della sua ultima, colossale, opera d’arte a Josè Ignacio, in Uruguay. Lo scorso novembre ha infatti inaugurato Ta Khut, il nuovo osservatorio astronomico della città. Un luogo che racconta di sé tramite la luce, appunto.  

Turrell, personaggio poliedrico, che spazia dall’arte, all’architettura, all’astronomia fino alla scienza, ha plasmato ancora una volta la terra, e la materia, per spingerci a guardare in alto. Estimatore del cielo e delle sue glorie, l’artista afferma che guardare in alto è un segno di speranza e di gioia, secondo lui infatti il cielo è un “paesaggio senza orizzonte” e per questo motivo vale la pena di essere scoperto.

Le grandi città non permettono questo esercizio e per questo motivo l’artista sceglie sempre di intervenire su luoghi esotici, paesaggi magnifici che raccontano storie interessanti, a partire proprio dalle tradizioni locali. Dai cieli dei deserti americani, a quelli europei, fino al cielo secco, luminoso e intrigante di Josè Ignacio.

Ta Khut è un inno alle costruzioni sacre delle antiche popolazioni, dai Maya agli Egizi, dalla Cina alla Thailandia. E allora è proprio della piramide, nella sua forma più morbida e organica, di cui si serve Turrell per spingerci a guardare il cielo uruguaiano, culminando metaforicamente, e fisicamente, con una sfera di marmo bianco alta ben 7 metri.

La forma piramidale rappresenta nella storia una forma sacra, una scalata verso le vette del cielo, per raggiungere gli dei. La sfera che viene gelosamente custodita dalla piramide, cava, è il cuore pulsante del progetto, da cui si può guardare il cielo, circondati da uno spettro di luci colorate.

Ancora una volta un’opera d’arte immersiva, che si muove attorno a noi, dialogando con la magnificenza del nostro pianeta.

Foto Copyright: Tali Kimelman – talikimelman.com@talikimelman

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: James Turrell.
Articolo di Francesca Longoni

Francesca Longoni

Giovane architetto d'interni. Attenta al mondo che mi circonda, in cerca di bellezza

Scopri altri post
La cappella ispirata ad un origami nel paesaggio della Spagna centrale

La cappella ispirata ad un origami nel paesaggio della Spagna centrale

Il Panopticon nella prigione francese di Auntun

Il Panopticon nella prigione francese di Auntun

Majara Residence, il residence dei colori nel mare dell’Iran

Majara Residence, il residence dei colori nel mare dell’Iran

Cabine che scompaiono tra gli alberi

Cabine che scompaiono tra gli alberi

Architetture antropomorfe

Architetture antropomorfe

A Folkestone il primo skatepark multipiano al mondo, Holaway Studio

A Folkestone il primo skatepark multipiano al mondo, Holaway Studio

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati