Fondazione André Heller è qualcosa di più di un orto botanico. Un giardino “sensoriale”

ArtobjectsInstallations

Fondazione André Heller possiamo definirla un’esperienza artistica e sensoriale sulle sponde del Lago di Garda, a Gardone Riviera.

Percorrendo i suoi sentieri e scoprendo le migliaia di piante provenienti da ogni parte del mondo, ci si immerge in un’atmosfera quasi magica.

Tra i suoi calmi specchi d’acqua e le sue curiose installazioni artistiche veniamo trasportati in un luogo suggestivo e meraviglioso, perfetto per perdersi nei pensieri e nelle sensazioni che lo stesso ci suscita.

Di grande impatto è la presenza costante dell’elemento ‘acqua’, che si snoda all’interno del giardino sotto forma di ruscelli, cascate e stagni con carpe koi sacre, quasi a sottolineare la sacralità della natura e dell’arte.

Totalmente in armonia con l’ambiente e le piante che li circondano, ci accolgono e ci accompagnano lungo il percorso i personaggi di note opere d’arte di artisti quali Keith Haring, Roy Lichtenstein, Auguste Rodin, Fernand Leger e molti altri.

Arte e natura si completano, convivono e giocano insieme per dare vita ad un luogo unico, dove l’unione tra biodiversità e architettura paesaggistica crea un’opera d’arte in sé.

Nato agli inizi del ‘900 su volere del medico austriaco Arturo Hruska, grande appassionato di botanica, il giardino venne poi rilevato nel 1988 dal noto artista multimediale André Heller che lo trasformò nell’opera d’arte che è ora.

Quando guardo fuori da uno dei balconi lo splendore del Lago di Garda o in uno dei miei boschetti di bambù, non riesco ancora a credere che questo parco mi abbia scelto per essere il suo protettore e alleato, e lo ringrazio – come meglio posso – Con amore.

André Heller

Post di Alessandra Belloni – @alessandrabll

Foto Copyright: Fondazione André Heller – hellergarden.com@heller_garden_gardone

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: inspiration, Fondazione André Heller, Lago di Garda.
Scopri altri post
Le pietre sferiche di Alicja Kwade

Le pietre sferiche di Alicja Kwade

Gli spaventapasseri di Kate Fichard e Hugo Deniau

Gli spaventapasseri di Kate Fichard e Hugo Deniau

I vibranti ricami nelle cavità degli alberi di Diana Yevtukh

I vibranti ricami nelle cavità degli alberi di Diana Yevtukh

Louis Vuitton porta alla luce le edicole abbandonate di Venezia

Louis Vuitton porta alla luce le edicole abbandonate di Venezia

Forme contemporanee contaminano chiese ortodosse abbandonate

Forme contemporanee contaminano chiese ortodosse abbandonate

Nowhere, il tappeto rosso di Gregory Orekhov

Nowhere, il tappeto rosso di Gregory Orekhov

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati