Ricordi e storie immaginarie, le fotografie di Anastasia Cazabon

ArtobjectsPhotography

Fotografa e filmmaker americana, classe 1983, Anastasia Cazabon si è ispirata alle favole e ai ricordi della sua infanzia, per realizzare una serie di ritratti di sottile surrealismo e dal tono misterioso.

La Cazabon ha rintracciato nell’atto creativo della fotografia la voce narrante per esteriorizzare e sublimare vecchie memorie, per mettere “in luce” e rendere tangibili i giochi di fantasia e gli amici immaginari che le hanno tenuto compagnia durante la fanciullezza, e l’hanno guidata alla scoperta della vita, nel passaggio all’età adolescenziale.

My images are based on my own childhood. Specifically the fantasy world I made up for myself. I’m the youngest of three sisters and by the time I was five my sisters were on their way to college. So I spent the majority of my childhood alone making up imaginary friends and adventures. My images are recreations of my childhood fantasies. Some are exaggerated and some are completely made up, but all are based on the feelings I had as a child.

Anastasia Cazabon

I progetti fotografici Stories e From the Secret World appaiono come degli album dei ricordi dall’allure visionaria, s’insinuano nei meandri della memoria di Anastasia, trasformando il banale in straordinario: si tratta di una rielaborazione immaginifica di visioni frammentarie che si materializzano e si ricompongono nel filo del racconto, esplicitando sogni, paure e segreti di una bambina che si appresta a diventare donna.

Realizzate con una macchina fotografica 4×5, manipolate con minimi ritocchi in fase di postproduzione, le fotografie della Cazabon sono orchestrate con grande minuzia, ogni dettaglio – dalle pose alle scenografie, dalla gestione della luce alla scelta della scala cromatica, che si declina in tonalità perlopiù tenui e ovattate – è studiato con estrema cura.

Anastasia Cazabon vive e lavora a Berlino. Ha studiato fotografia alla New England School e, in seguito, al Massachusetts College of Art and Design. Anastasia è membro del collettivo fotografico The Exposure Project ed è rappresentata da Photo Edition Berlin. Le sue fotografie sono state esposte in numerose mostre personali e collettive in musei e gallerie a livello internazionale, tra cui il Griffin Museum of Photography e il “The Texas Photographic Society’s National Show”.

Foto Copyright: Anastasia Cazabon – anastasiacazabon.com@anastasia.cazabon

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Wild, Anastasia Cazabon.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
La casa come teatro di creatività, la staged photography di Arunà Canevascini

La casa come teatro di creatività, la staged photography di Arunà Canevascini

Quello che le donne non dicono. Tra mente e corpo con Lin Yung Cheng

Quello che le donne non dicono. Tra mente e corpo con Lin Yung Cheng

I flussi dei ghiacci di Jan Erik Waider

I flussi dei ghiacci di Jan Erik Waider

L'arte della provocazione, le fotografie di Kostis Fokas

L’arte della provocazione, le fotografie di Kostis Fokas

Corpo umano e natura, “Hierophanies” di Bear Kirkpatrick

Corpo umano e natura, “Hierophanies” di Bear Kirkpatrick

Future is Female. Le donne della nuova generazione ritratte da Laura Lobos

Future is Female. Le donne della nuova generazione ritratte da Laura Lobos

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati