La ricetta semplice per il deodorante fatto in casa che funziona davvero

EcoobjectsSustainability

Deodorante fatto in casa

Potrebbe sembrarvi impossibile e il vostro scetticismo è assolutamente lecito. Prima di scrivere questo articolo ho però sottoposto il mio nuovo deodorante autoprodotto a stress test di vario tipo e dopo giorni di utilizzo intensivo posso confermarne la sua grandissima funzionalità. È incredibile lo so, ma questo deodorante fatto in casa rappresenta una piccola rivoluzione del mondo dell’autoproduzione.

• Contiene solo ingredienti biodegradabili.

• Gli ingredienti sono facilmente reperibili e spesso già a disposizione nelle nostre cucine.

• Vi permetterà di sostituire i deodoranti industriali che contengono elementi aggressivi per la nostra pelle e per l’ambiente come il cloridrato di alluminio che è anti-traspirante e astringente.

• Gli ingredienti sono economici e questa ricetta vi permetterà di risparmiare notevolmente nel tempo.

Da dove iniziare quindi per realizzare il deodorante fatto in casa?

Dagli ingredienti, o forse sarebbe meglio dire dall’ingrediente fondamentale, ovvero il bicarbonato di sodio.

Il bicarbonato di sodio, la cui formula chimica è NaHCO3, è semplicemente l’additivo alimentare venduto in tutti i negozi di alimentari e il cui costo si aggira intorno ai due Euro al Kg.

Deodorante fatto in casa

La sua azione batteriostatica è data dalla sua naturale salinità, il bicarbonato è infatti un sale che se sciolto in acqua darà una soluzione debolmente alcalina che avrà un valore intorno alla neutralità (ph7).

Spiegazioni troppo scientifiche a parte, per cui io stessa sarei profana, il bicarbonato funziona! Eccome se funziona!

Bisogna specificare che l’efficacia di un deodorante è soggettiva e varia da persona a persona in base alla tipologia di pelle. Ma questo prodotto è talmente semplice da realizzare che vale davvero il tentativo.

Il bicarbonato è l’ingrediente fondamentale del nostro deodorante e in realtà potrebbe anche essere l’unico.

Deodorante fatto in casa

Per “arricchire” la ricetta e renderla anche più piacevole per la nostra pelle si potrà poi personalizzarla per rendere il deodorante più cremoso e profumato.

Un esempio?

Basterà aggiungere dell’amido di mais o Maizena che ha capacità assorbenti e qualche goccia di olio essenziale,come quello di Tea Tree che ha anche proprietà battericida.

Per renderlo ancora più cremoso invece basterà miscelare piccole quantità di burro di karitè o di olio vegetale.

Riepilogando, di seguito troverete la mia ricetta preferita:

• 4 cucchiai di bicarbonato di sodio

• 2 cucchiai di amido di mais o Maizena

• Poche gocce di olio essenziale di Tea Tree

Miscelate i tre ingredienti insieme e versate il contenuto in un barattolo di vetro dalla chiusura ermetica.

Basterà estrarre a ogni necessità poca polverina e sfregarla sulle ascelle (pulite chiaramente ndr) e il gioco è fatto!

Prima nota di accorgimento: è opportuno fare attenzione alla conservazione di tutti i prodotti che contengono materie prime biodegradabili, riponete il deodorante fatto in casa lontano da fonti di umidità e per una lunga conservazione cercate di evitare il contatto diretto del deodorante con l’acqua.

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Articolo di Marta Casartelli

Marta Casartelli

Entusiasta per natura, appassionata di innovazioni sostenibili e grande fan dell'autoproduzione

Scopri altri post
Consigli efficaci per un abbigliamento sostenibile

Consigli efficaci per un abbigliamento sostenibile

Consigli pratici per vivere in modo sostenibile

Consigli pratici per vivere in modo sostenibile

Shampoo fatto in casa, istruzioni per l'uso di una scelta sostenibile

Shampoo fatto in casa, istruzioni per l’uso di una scelta sostenibile

Desserto, la pelle sostenibile derivata dai cactus

Desserto, la pelle sostenibile derivata dai cactus

“Ore Streams” di Formafantasma. Come il design ci aiuta a riciclare rifiuti

“Ore Streams” di Formafantasma. Come il design ci aiuta a riciclare rifiuti

Econyl, dalla plastica negli oceani ai tessuti

Econyl, dalla plastica negli oceani ai tessuti

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati