L’espressività dei serpenti catturata da Ben Simon Rehn

ArtobjectsPhotography

Il fotografo tedesco Ben Simon Rehn, interessato a tracciare connessioni tra uomo e natura, ci mostra un’affascinante serie di ritratti espressivi di serpenti scattati in un rifugio di rettili squamati nei pressi della sua abitazione sui monti Harz.

Dai colori vividi di squame brillanti e cangianti, i suoi lavori ci immergono negli intensi sguardi di queste maestose creature, dai piccoli occhi, profondi e sinistri.

Non è stato molto facile catturare i serpenti perché alcuni di loro sono davvero piccoli – non sembra nelle foto – e si muovono velocemente. Inoltre alcuni sono velenosi, quindi devi mantenere una distanza e una lente lunga aiuta qui. Ritrarli da vicino non solo mette in evidenza i dettagli vividi delle loro squame, bocche e occhi, ma ci porta anche faccia a faccia con le creature per generare una comprensione diversa.

Ben Simon Rehn per Colossal

Foto Copyright: Ben Simon Rehn – bensimonrehn.com@bensimonrehn

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Animals, Ben Simon Rehn.
Articolo di Andrea Ebbi

Andrea Ebbi

Artista, designer e fondatore di Objects. Il futuro è tutto da scrivere

Scopri altri post
Dalla giovinezza alla femminilità nelle fotografie di Tamara Lichtenstein

Dalla giovinezza alla femminilità nelle fotografie di Tamara Lichtenstein

Le fotografie oniriche di Gaby Herbstein

Le fotografie oniriche di Gaby Herbstein

Le fotografie di viaggio di Arnaud Montagard

Le fotografie di viaggio di Arnaud Montagard

“Botanica”, una serie di autoritratti di Maren Klemp

“Botanica”, una serie di autoritratti di Maren Klemp

“City Space”, la fotografia urbana di Clarissa Bonet

“City Space”, la fotografia urbana di Clarissa Bonet

La nostalgia del mondo che cambia nei negozi abbandonati fotografati da Thibaut Derien

La nostalgia del mondo che cambia nei negozi abbandonati fotografati da Thibaut Derien

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati