WaterLight, la lanterna che si ricarica con l’acqua del mare

DesignobjectsTech

A far funzionare questa magia ci pensa una semplice reazione chimica. Gli elettroliti nell’acqua reagiscono con il magnesio e si crea così elettricità. Il progetto si chiama WaterLight ed è stato concepito per aiutare tutte quelle comunità remote che hanno accesso limitato alla rete elettrica, ma che invece hanno grande abbandonza di acqua del mare.

Uno di questi luoghi è la penisola di Guajira, un deserto costiero all’estremità settentrionale del Sud America. Colombia. Uno dei luoghi più poveri di tutto il continente (Io ci sono stato nel 2019 e posso confermare che è tanto bello, quanto isolato). In questa località desertica si sta incominciando a testare queste incredibili lampade, e, a giudicare da queste fotografie, sembrano inserirsi e funzionare alla perfezione.

WaterLight

Vediamo che milioni di persone in tutto il mondo non hanno accesso all’elettricità sulle coste – Con una sola carica, può essere utilizzato per circa 45 giorni, a seconda di quanto lo usi.

Pipe Ruiz, direttore creativo esecutivo di Wunderman Thompson Colombia, un’agenzia creativa che ha lavorato al design con E-Dina, un Startup colombiana nel settore delle energie rinnovabili che ha sviluppato la tecnologia di base.

Si sente tanto parlare di sostenibilità al giorno d’oggi. Non sempre in modo sano e genuino però. Spesso è solo marketing e alla fine cambia poco dal punto di vista del pianeta. In questo caso però la sostenibilità è concreta e abbraccia anche l’aspetto sociale. Questo fa secondo me di WaterLight uno dei progetti più interessanti in cui mi sono imbattuto negli ultimi anni.

Tutta questa serie di caratteristiche insieme – tra l’altro applicate in un contesto in cui realmente c’è una necessità – non è assolutamente scontato trovarle:

> Per avviare la ricarica bastano circa due tazze di acqua oceanica.

> Poiché il processo separa il sale dall’acqua, l’acqua di mare nel dispositivo può essere utilizzata anche in un secondo momento per cucinare per esempio.

> La vita media di questo oggetto è stata fissata a circa 5.600 ore, da due a tre anni di utilizzo. Una volta finito questo ciclo essa può semplicemente essere riutilizzato come contenitore o anche essere riciclato.

> Va a sostituire un altro oggetto ben più impattante sul pianeta; le tradizionali lanterne a cherosene.

> A differenza di una luce solare, si carica istantaneamente non appena viene riempita d’acqua.

> WaterLight può anche caricare lentamente un telefono cellulare o una piccola radio.

Davvero notevole.

Lanterna WaterLight
WaterLight

Foto Copyright: WaterLight – waterlight.com.co

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Articolo di Luca Onniboni

Luca Onniboni

Autore e fondatore di Objects., Archiobjects e Marketing For Architects. Esperto in comunicazione e appassionato di Architettura, Design e Marketing. E' anche un consulente, un nuotatore, un motociclista e un instancabile ricercatore

Scopri altri post
Lonely Mountains, il videogioco per fare Downhill

Lonely Mountains, il videogioco per fare Downhill

La collezione dei siti divertenti da navigare

La collezione dei siti divertenti da navigare

Le migliori piattaforme di gaming per giocare ovunque

Le migliori piattaforme di gaming per giocare ovunque

Alcune tra le migliori esperienze di gioco per smartphone

Alcune tra le migliori esperienze di gioco per smartphone

Le migliori app per urbanisti e pianificatori

Le migliori app per urbanisti e pianificatori

Opere d'arte visuali. I più bei videogame da ammirare per smartphone

Opere d’arte visuali. I più bei videogame da ammirare per smartphone

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati