Sempre li a guardare gli smartphone dal 1860

Non c’è da preoccuparsi se i giovani e meno giovani di oggi passano gran parte del loro tempo a testa china sugli smartphone, la socialità della nostra specie è sopravvissuta anche se lo facciamo già da più di 150 anni. Questi quadri lo testimoniano.

Ferdinand Georg Waldmüller, intitolato Die Erwartete (La donna attesa), 1860

Umberto Romano, Mr. Pynchon and the Settling of Springfield datato 1937

Ovviamente non esistevano smartphone nel secolo scorso, li ha inventati un genio in un’azienda chiamata “mela”. Un genio che purtroppo l’umanità ha perso.

Sta a noi fare buon uso della tecnologia. Questo valeva in passato, vale ora, e varrà soprattutto per tutte le diavolerie che altri “siate folli, siate affamati” inventeranno.

Comunque, una spiegazione a questi dipinti la forniscono studiosi e storici dell’arte: nel primo caso potrebbe trattarsi di un libro di preghiere, mentre nel secondo di uno specchio!

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search