Olga de la Iglesia, dal reportage documentario alla fotografia di moda

FashionobjectsLifestyle

Singolare talento dell’industria creativa contemporanea, Olga de la Iglesia si muove con agilità tra la fotografia di moda e quella documentaristica, ne sovverte i confini, ibrida i loro linguaggi, e in un tempo così schiavo dell’apparenza, dà luogo a trame visive ricche di senso, seppure dall’estetica accattivante.

Le immagini dell’artista spagnola, realizzate quasi esclusivamente in analogico (35 e 120 mm), palpitano di vita, di colori, di femminilità, guidano l’osservatore in un viaggio immaginifico ed emozionale attraverso culture e luoghi sconosciuti.

I am, in the end, an imager. Having ideas and carrying them out is something that makes me happy and gives meaning to my life. I use art as therapy and to say things I can’t express any other way.

Olga de la Iglesia

Nata a Barcellona nel 1987, Olga de la Iglesia vive e lavora a New York. Il suo lavoro è stato pubblicato su prestigiose riviste del settore, quali Vogue Italia, Vogue Spagna, Sleek Magazine, Monocle, Primary Paper e Lindsay Magazine. È rappresentata dalla Society Management.

Foto Copyright: Olga de la Iglesia – olgadelaiglesia.net@olgadelaiglesia

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Olga de la Iglesia.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Corpo femminile e censura. La fotografia di Steph Wilson

Corpo femminile e censura. La fotografia di Steph Wilson

Moda, natura e femminilità nelle fotografie di Evgenia Kayumova

Moda, natura e femminilità nelle fotografie di Evgenia Kayumova

Moda e identità culturale nella fotografia di Nadine Ijewere

Moda e identità culturale nella fotografia di Nadine Ijewere

Fashion e Lifestyle, le fotografie di Dudi Hasson

Fashion e Lifestyle, le fotografie di Dudi Hasson

La bellezza afro nei ritratti di Oye Diran

La bellezza afro nei ritratti di Oye Diran

L’estetica semantica di Euphoria e l’inno alla Gen-Z

L’estetica semantica di Euphoria e l’inno alla Gen-Z

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati