L’immortalità dell’arte. L’Arc de Triomphe secondo Christo

ArchiobjectsLandscape

Sarà come un oggetto vivente che si animerà nel vento e rifletterà la luce. Le pieghe si muoveranno, la superficie del monumento diventerà sensuale. Le persone avranno voglia di toccare l’Arc de Triomphe.

Christo 

L’Arte è tante cose: storia, contemporaneità, amore, sfarzo, ingegno, solennità, minimalismo, passione, terapia, genialità, creatività, rinascita e molto altro ancora. Questo perchè prima di ogni cosa, essa è libertà: senza regole, senza limiti, senza proibizioni, l’Arte è gentile, soave, emancipata, camaleontica: ognuno può interpretarla come vuole – secondo la propria prospettiva, secondo le proprie proiezioni e contesti, secondo le proprie emozioni e sentimenti.

L’Arte, nel senso generale della parola, è libera, democratica. È ovunque e dovunque, in ogni spazio, in ogni tempo, era o secolo. Non fa distinzioni, è di tutti e per tutti.

Ma soprattutto, Arte è immortalità: che sia un monumento, una fotografia, una canzone, una scultura o un’entità astratta, l’Arte saprà ricordarla nell’eternità. Saprà mantenere la promessa fatta e custodirà fino alla fine dei tempi il suo ricordo nelle menti delle genti. L’Arte è per sempre.

Ed è per questo che, nonostante l’incombenza della morte, l’Arte prosegue il suo cammino e porta con sé le ceneri e le memorie di chi si è affidato a lei, permettendo ai suoi creatori di continuare a “vivere” nel ricordo dei vivi.

In tempi recenti, vediamo applicato questo saldo principio non-scritto a Parigi.

Settembre 2021: notiamo qualcosa di strano in fondo agli Champs-Élysées: l’Arc de Triomphe è completamente “impacchettato”. Di primo impatto, sembra quasi assurdo. Ma per i più esperti (e non), c’è qualcosa di vagamente familiare in quei 25 mila metri quadrati di tessuto argentato.

Un progetto la cui ideazione risale a 60 anni fa vede finalmente la luce.
A poco più di un anno dalla sua scomparsa, Christo – tra i migliori artisti di tutti i tempi, padre della Land Art – riesce comunque a portare la sua idea a compimento. L’Arc de Triomphe empaqueté è il titolo dell’opera concepita con la moglie e musa Jeanne-Claude, ed è un progetto che dopo anni di ideazione, doveva essere realizzato a settembre 2020 (nonostante la morte del creatore). La pandemia ha fatto rovinosamente slittare l’allestimento dell’opera, ma a un anno di distanza eccoci dinanzi al sogno che l’artista ha perseguito per anni e anni.

Dal 18 settembre al 3 ottobre 2021 l’Arc de Triomphe avrà queste affascinanti e grottesche sembianze: come tantissimi altri monumenti impacchettati da Christo, esso è avvolto – per tutti i suoi 50 metri di altezza – da 25 mila metri di tessuto argentato. Un’altro magnifico allestimento e traguardo che si aggiunge alla sua lista infinita, da cui ricordiamo per esempio The Floating Piers sul Lago d’Iseo in Italia, “The Pont Neuf” sempre a Parigi, “The Gates” al Central Park di New York o “Wrapped Reichstag” a Berlino.

Costato 14 milioni di euro, l’opera è stata finanziata interamente attraverso la vendita di studi, disegni e plastici dell’artista francese, risalenti agli anni Cinquanta e Sessanta.

Un altro colpo messo a segno dall’artista, pur in sua assenza, perchè l’Arte si sa, ne parlavamo prima, ha questo strabiliante potere di eternare la vita anche dopo la morte.

Foto Copyright: Benjamin Loyseau @benloyseau – Christo and Jeanne-Claude Foundation christojeanneclaude.net @christojeanneclaude – Jad Sylla Ph @jfsylla

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Christo.
Articolo di Giuditta Duranti

Giuditta Duranti

Vivo per scrivere, scrivo per vivere. Fotografo per passione. Da sempre innamorata dell'arte e della letteratura, mi diletto con zelo e passione a narrare le vicende del mondo e a immortalarne i momenti più belli.

Correlati
The Floating Piers: Christo sul Lago D'Iseo

The Floating Piers: Christo sul Lago D’Iseo

Torna Christo con The Mastaba sul lago di Hyde Park

Torna Christo con The Mastaba sul lago di Hyde Park

Scopri altri post
Una scala verso il cielo, la Vlooyberg Tower in Belgio

Una scala verso il cielo, la Vlooyberg Tower in Belgio

Le precarietà dei villaggi urbani in Cina fotografati da Alessandro Zanoni

Le precarietà dei villaggi urbani in Cina fotografati da Alessandro Zanoni

Un campeggio dal design contemporaneo in Corea del Sud

Un campeggio dal design contemporaneo in Corea del Sud

Un villaggio abbandonato riconquistato dalla natura

Un villaggio abbandonato riconquistato dalla natura

Un mostro di design sul Möhnesee

Un mostro di design sul Möhnesee

Torna Christo con The Mastaba sul lago di Hyde Park

Torna Christo con The Mastaba sul lago di Hyde Park

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati