Heather Rasmussen, l’arte del corpo

ArtobjectsPhotography

L’artista di Los Angeles Heather Rasmussen lavora su autoritratti fotografici in cui usa il corpo come strumento estetico e metaforico e, operando in maniera trasversale con una pluralità di mezzi e tecniche – scultura, danza, fotografia – ne esalta le qualità espressive, affrontando tematiche quali la sessualità femminile, l’effimerità della bellezza, lo scorrere del tempo.

Durante le performance che la vedono protagonista,  Heather è spesso nuda, accovacciata a terra, nell’atto di contorcersi come un’acrobata in movimenti tortuosi, seduta su un cumulo di oggetti – pezzi di mobilio, tappezzeria, frutta e verdura in stato di deterioramento –  che adopera come fossero i prolungamenti dei suoi arti, e che sottendono evocazioni simboliche molteplici;  o ancora, si mostra attorniata da calchi in gesso delle sue membra, mentre riflette la sua figura in uno specchio, in dialogo con un’altra sé, in una sorta di disgiunzione o di raddoppiamento immaginifico della propria identità.

Attraverso la sperimentazione e la manipolazione diretta del proprio corpo, a un tempo, medium e oggetto d’arte, la Rasmussen si è messa al centro del suo lavoro, trasformando sé stessa in una scultura vivente, un essere mutante sulla scena di una natura morta in carne e ossa.

Heather Rasmussen è nata nel 1982, a Santa Ana. Dopo essersi laureata presso l’Università della California, ha terminato i suoi studi al California Institute of the Arts. Le sue fotografie sono state esposte in numerose mostre personali e collettive, e sono conservate nelle collezioni permanenti dell’Art Institute of Chicago e del Los Angeles County Museum of Art. Il suo lavoro è stato recentemente pubblicato nel libro “Unfolded, Paper in Design, Art, Architecture and Industry”, accanto a quello di artisti come Olafur Eliasson, Thomas Demand e Frank Gehry.

Foto Copyright: Heather Rasmussen – heatherrasmussen.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: BodyArt, Heather Rasmussen.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Correlati
Polly Penrose, l’autoritratto nella fotografia contemporanea

Polly Penrose, l’autoritratto nella fotografia contemporanea

Bill Durgin, nudo e natura morta

Bill Durgin, nudo e natura morta

Outrospection di Daniel Ramos Obregón

Outrospection di Daniel Ramos Obregón

Scopri altri post
Animals, una serie fotografica di Ryan McGinley

Animals, una serie fotografica di Ryan McGinley

“Greetings From Mars” , una parodia alla selfite contemporanea

“Greetings From Mars” , una parodia alla selfite contemporanea

Fotografie vintage dei primi parcheggi verticali, 1920-1960

Fotografie vintage dei primi parcheggi verticali, 1920-1960

L'arte liquida di Jack Long

L’arte liquida di Jack Long

La vita quotidiana attraverso la lente di Chase Middleton

La vita quotidiana attraverso la lente di Chase Middleton

Il corpo vulnerabile nelle fotografie di Leah Edelman-Brier

Il corpo vulnerabile nelle fotografie di Leah Edelman-Brier

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati