Architettura perduta, edifici e quartieri che la storia ha cancellato per sempre

ArchiobjectsArchitecture

Incendi, bombardamenti, rischi strutturali, speculazione edilizia e insostenibilità economica sono i principali motivi per cui l’umanità ha perso edifici e quartieri che le generazioni precedenti avevano costruito con cura e passione.

In questa lista di architettura perduta, tratta liberamente dalla community di Reddit LostArchitecture, ho selezionato principalmente le architetture più recenti (intorno agli ultimi due secoli). Se si dovesse guardare ancora più indietro lungo tutto il corso della storia, allora probabilmente non ci si può neanche immaginare cosa abbiamo perso.

A volte era inevitabile (incendi), a volte era evitabile, ma purtroppo in quegli anni c’era in gioco la vita e la libertà di interi popoli (guerre), a volte invece è proprio ignoranza. Come nel caso del Larkin Building di Frank Lloyd Wright che venne abbattatuto per fare posto a 12 posti auto…

Ecco una lista di edifici e quartieri che nel corso del tempo sono andati perduti per sempre.

The Saltair Pavilion
The Saltair Pavilion, costruito nel 1893 sulle rive del grande lago salto dello Utah. Distrutto in un incendio nel 1925
Larkin Administration Building
Larkin Administration Building di Frank Lloyd Wright a Buffalo nello stato di New York. Costruito nel 1906 e demolito nel 1950 per fare posto ad un parcheggio.
piscina Moskva
La piscina Moskva. Costruita dove prima sorgeva una chiesa nel 1960, venne in seguito demolita nel 1994 per poter ricostruire nuovamente una chiesa.
Varsavia prima della guerra
Varsavia, Polonia. Un’immagine del 1939 prima che gran parte della città, questa via compresa, venisse distrutta dai bombardamenti dei nazisti.
La stazione Vyborg
La stazione Vyborg in Finlandia. Progettata da Eliel Saarinen nel 1913 e distrutta dai sovietici nell’invasione del 1941.
Le torri di Bologna
Le torri di Bologna. Intorno al 12 secolo la città era costellata di torri altissime. Nei secoli successivi però sono andate praticamente tutte perdute. Oggi ne restano solo due.
Times Square 1900
Times Square a New York in una foto del 1905. Oggi non vi è quasi più nulla di tutto questo.
Zeppelintribüne Grandstand
Lo Zeppelintribüne Grandstand di Albert Speer a Norimberga, costruito tra il 1935 e il 1937 e demolito nel 1967.
World Trade Center
World Trade Center a New York City. Distrutte da un attentato terroristico nel 2001
Il palazzo Romano di Diocleziano
Il palazzo Romano di Diocleziano del 4 secolo a.C. Oggi è ancora visibile l’impianto originale se si osserva dall’alto il centro di Spalato (Croazia)
Mummers' Theater
Il Mummers’ Theater ad Oklahoma City. Progettato da John Johansen nel 1970 e demolito per uno sviluppo immobiliare (poi bloccato) nel 2015
La cattedrale di Mogadishu
La cattedrale di Mogadishu. Costruita tra il 1925 e il 1928, venne distrutta durante la guerra civile Somala.
La città rotonda di Baghdad
La città rotonda di Baghdad, una delle meraviglie del mondo antico. Completamente distrutta dalle orde mongole nel 1258.
Detroit Saturday Night Building
The Detroit Saturday Night Building. Costruito nel 1914 e demolito nel 2019 per fare un parcheggio.
Zeus a Olimpia
La statua di Zeus a Olimpia. Costruita intorno al 435 a.C. – venne poi distrutta nel 5 secolo d.C.
St. Nikolai Church
St. Nikolai Church ad Amburgo. Fu la più alta costruzione al mondo sino al 1877. Nell’estate del 1943 venne bombardata dagli inglesi, oggi rimane solo il campanile.
Rotterdam prima della guerra
Rotterdam prima del bombardamento a tappeto del 1940 ad opera dei nazisti.
Rossiya Hotel
Rossiya Hotel a Mosca. Costruito nel 1967 e demolito nel 2006. Questo è forse quello che ci mancherà di meno all’interno di questa lista.
vecchio ufficio delle poste di Belgrado
Il vecchio ufficio delle poste di Belgrado. Costruito nel 1929 e distrutto nel 1944 dai bombardamenti alleati. In seguito venne ricostruito, ma in stile Stalinista.
Krestovsky Water Towers
Krestovsky Water Towers a Mosca realizzate da Maxim Geppener nel 19 secolo. Vennero poi distrutte nel 1939 per fare spazio all’autostrada.
Cincinnati Public Library
Gli interni della Cincinnati Public Library. Costruita nel 1870 e demolita nel 1955.
Atelier Esders a Parigi
Atelier Esders a Parigi. Progettato nel 1920 da Auguste Perret, il padre del cemento rinforzato nonchè maestro di un giovanissimo Le Corbusier. L’edificio venne poi demolito nel 1960.

Foto copyright:  Immagine in copertina Salt Air Pavilion da Wikimedia – altre immagini reddit.com/r/Lost_Architecture

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Articolo di Luca Onniboni

Luca Onniboni

Autore e fondatore di Objects., Archiobjects e Marketing For Architects. Esperto in comunicazione e appassionato di Architettura, Design e Marketing. E' anche un consulente, un nuotatore, un motociclista e un instancabile ricercatore

Correlati
Chiese abbandonate fotografate da James Kerwin

Chiese abbandonate fotografate da James Kerwin

Edifici abbandonati Art Deco a Detroit, Philip Jarmain

Edifici abbandonati Art Deco a Detroit, Philip Jarmain

La piscina all’interno di una chiesa sconsacrata

La piscina all’interno di una chiesa sconsacrata

Scopri altri post
Sulla costa del lago Balaton, sorto tra natura, innovazione e tradizione, il centro culturale “The Zam”

Sulla costa del lago Balaton, sorto tra natura, innovazione e tradizione, il centro culturale “The Zam”

Cerniera, il futuro polo della moda a Chiasso, Boltas Bianchi Architetti

Cerniera, il futuro polo della moda a Chiasso, Boltas Bianchi Architetti

Tennis ad alta quota. "Playscraper" di Carlo Ratti e Italo Rota

Tennis ad alta quota. “Playscraper” di Carlo Ratti e Italo Rota

La meraviglia delle infrastrutture in 16 immagini da tutto il mondo

La meraviglia delle infrastrutture in 16 immagini da tutto il mondo

Un landmark vivibile, il Loop of Wisdom Museum

Un landmark vivibile, il Loop of Wisdom Museum

La miopia delle città del movimento moderno e dei suoi maestri

La miopia delle città del movimento moderno e dei suoi maestri

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati