Chiese abbandonate fotografate da James Kerwin

ArchiobjectsArchitecture

Chiese abbandonate

Purtroppo o per fortuna, in alcune zone d’Europa è da qualche anno che alcune chiese vengono abbandonate a causa di una sempre minore affluenza di fedeli. E’ il caso di molte chiese in Galles per esempio, chiuse e lasciate a se stesse dopo anni di scarso utilizzo.

Una volta abbandonate a se stesse, queste architetture diventano immediatamente una meta ambitissima dai fotografi “urban explorer” come James Kerwin.

Qui di seguito una raccolta delle sue fotografie sul tema delle chiese abbandonate.

Chiese abbandonate
Chiese abbandonate
Chiese abbandonate
Chiese abbandonate
Chiese abbandonate

Foto Copyright: James Kerwin | Domum Dei

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Churches, James Kerwin, Abandoned places.
Articolo di Luca Onniboni

Luca Onniboni

Autore e fondatore di Objects., Archiobjects e Marketing For Architects. Esperto in comunicazione e appassionato di Architettura, Design e Marketing. E' anche un consulente, un nuotatore, un motociclista e un instancabile ricercatore

Scopri altri post
Fotografare l'architettura in modo bizzarro e divertente

Fotografare l’architettura in modo bizzarro e divertente

I gasometri abbandonati fotografati da Richard Chivers

I gasometri abbandonati fotografati da Richard Chivers

I monoliti difensivi nell'Inghilterra degli anni '20, Piercarlo Quecchia

I monoliti difensivi nell’Inghilterra degli anni ’20, Piercarlo Quecchia

Le linee architettoniche di Vancouver di Shava Cueva

Le linee architettoniche di Vancouver di Shava Cueva

Hong Kong Kolour, la serie fotografica di Mike Pickles

Hong Kong Kolour, la serie fotografica di Mike Pickles

Architettura e colore negli scatti di Simone Hutsch a Canary Wharf

Architettura e colore negli scatti di Simone Hutsch a Canary Wharf

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati