Anthropomorphism, serie manipolazioni digitali tra uomo e animale

anthropomorphism

Matthew Grabelsky ci aveva già sorpreso con un lavoro simile fatto con le strane coppie di persone sulla metro che portavano delle teste animali, ma in questo caso, con il lavoro di Ahmad Habash, un visual storyteller e creativo a tutto tondo, ha dato vita a manipolazione digitali che vogliono prendersi un po’ più sul serio se possibile.

Nella sua serie “Anthropomorphism”, egli infatti sostituisce le teste di uomini con quelle di animali, ma con un intento quasi di mimesi e sintesi, piuttosto che per suscitare ilarità.

Ci viene in mente il mondo immaginato nel cortometraggio di Steve Cutts in cui umani e animali si scambiano i ruoli nel mondo.

Foto Copyright: Ahmad Habash

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search