A Monza apre Il Circolino, dove arte culinaria e design si fondono

ArchiobjectsInterior

A Monza ha aperto Il Circolino! In via Anita Garibaldi, al civico 4, nel cuore storico della città, cucina e design si fondono per dare vita a un concept innovativo.

In linea con le tendenze culinarie contemporanee, da un’idea di Stefano Colombo e del suo socio Federico Grasso, nasce un luogo poliedrico, dove caffetteria, bistrot e ristorante convivono all’interno dello stesso contenitore creativo.

Progettato nell’interior design dallo studio Cierreesse, Il Circolino si presenta come un luogo eclettico, intriso del fascino degli anni 20-30, vuole ricordare proprio il concetto di circolo, dove in passato il gioco era alla portata di tutti.

La location è un luogo estremamente suggestivo, sia all’interno che nel garden esterno, che vanta trecento cinquanta metri quadrati di verde che affacciano sul Lambro.

All’interno invece l’atmosfera è studiata in ogni suo dettaglio, come all’interno di una scenografia teatrale.

Le sedute sono rivestite in velluto, le nuance scelte variano dall’indaco, al verde e al vinaccia che colorano la sala, mentre alle pareti co-esistono ricercate carte da parati e piccole stampe che raffigurano le carte da gioco.

I materiali che disegnano gli arredi e le luci sono l’ottone, il marmo, e le superfici riflettenti, le quali donano luce e dilatano la percezione visiva dello spazio.

Il barman, di fama internazionale, Filippo Sisti è la mente dietro al bancone del cocktail bar, cannettato, che è il protagonista indiscusso di questo ambiente che con le sue linee organiche rappresenta il biglietto da visita del locale, accogliendo gli ospiti e introducendoli verso il cuore del Circolino.

Se questo spazio assolve alle funzioni di caffetteria e bistrot, è un altro l’ambiente destinato ad ospitare il menù firmato dallo chef stellato Claudio Sadler che porta con sé tutta l’innovazione della sua cucina.

La carta è un racconto emozionale, specchio dei ricordi e delle esperienze dell’intera brigata, capeggiata dal resident chef Lorenzo Sacchi.

Tradizione e contemporaneità nella scelta degli ingredienti, accanto a una ricercata selezione del beverage, curato da Maria Sainz, permettono al palato di compiere un vero e proprio viaggio all’interno di un ambiente dalle reminiscenze storiche, alle cui pareti prendono vita gli intrecci geometrici dell’artista contemporaneo Filiberto Vago.

L’obiettivo è quello di coinvolgere il cliente, attraverso i piatti e il design, all’interno di un percorso emotivo unico, suggerendo così un’esperienza a trecento sessanta gradi.

Ancora una volta è vincente il binomio passato e presente, che si fondono per valorizzare le nostre origini e per condurci verso una nuova dimensione percettiva.

Foto Copyright: @jacopo_salvi@cierreesse@ilcircolino_monzail-circolino.it

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Circolino Monza, Monza, Milano, Restaurants & Bar, Food.
Articolo di Francesca Longoni

Francesca Longoni

Giovane architetto d'interni. Attenta al mondo che mi circonda, in cerca di bellezza

Scopri altri post
Come scegliere l'armadio della camera da letto

Come scegliere l’armadio della camera da letto

Una libreria che genera lo spazio

Una libreria che genera lo spazio

Grand Hotel de Milan. La grand dame di Milano si rinnova per mano di Dimore Studio

Grand Hotel de Milan. La grand dame di Milano si rinnova per mano di Dimore Studio

Villa Matilda è un omaggio al Lago di Como e alla sua sfrenata bellezza

Villa Matilda è un omaggio al Lago di Como e alla sua sfrenata bellezza

<strong>Da una suggestione newyorkese a Milano apre l’Hair Bar</strong>

Da una suggestione newyorkese a Milano apre l’Hair Bar

<strong>La Smalley House di Quincy Jones viene riportata alla luce</strong>

La Smalley House di Quincy Jones viene riportata alla luce

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati