Gli autoritratti concettuali di Iness Rychlik

ArtobjectsPhotography

I suffer from a hyper-sensitive skin condition. As a teenager, I would often attempt to cover it up; I resented being asked if I had accidentally burnt myself. Throughout the years, I have learnt to see my skin as a canvas of expression, rather than an ugly inconvenience that should be kept hidden. I use my very own body to explore the themes of solitude and objectification, often employing antique garments or props to depict the parallels between my experiences and the inferior female position in Victorian Britain. I honour the concept of transforming hidden pain into art – exposed, disturbing and beautiful.

Iness Rychlik

Fotografa e regista di origine polacca, Iness Rychlik affronta il genere dell’autoritratto con un vocabolario visivo personale e anticonvenzionale. Le sue fotografie si caratterizzano per un uso poetico e concettuale del proprio corpo, attraverso una moltitudine di variazioni, di pose ed elementi di scena, e un linguaggio cromatico inconfondibile.

Carnali e, a un tempo, eteree, romantiche e brutali, permeate da una sottile e perturbante valenza erotica, le immagini della Rychlik, nelle quali l’identità dell’autrice è spesso celata, sono ricche di simbolismi, rivelano uno sguardo sottile e un animo sensibile e inquieto.

Avvolto in un’atmosfera lirica e senza tempo, il corpo della fotografa, appare ora fasciato e costretto in abiti d’epoca vittoriana, che lasciano i segni sulla sua pelle diafana, ora trafitto da spilli o dalle spine di una rosa, tragico e sensuale protagonista di una serie di tableaux vivant, orchestrati con estrema cura del dettaglio, che provocano l’immaginazione dell’osservatore evocando, con la loro oscura e ineffabile bellezza, sentimenti e sensazioni contrastanti.

Iness Rychlik si è laureata con lode in Cinema alla Screen Academy Scotland. Il suo ultimo film, “The Dark Box”, è stato presentato in anteprima a Camerimage, ricevendo una nomination al Golden Tadpole per la fotografia. Di recente, Iness ha diretto e girato due mini-documentari sull’arte per la BBC Scotland. Le sue opere sono state esposte in numerose mostre personali e collettive a livello internazionale. Attualmente l’artista vive e lavora tra Londra e Edimburgo.

Foto Copyright: Iness Rychlik – inessrychlik.com@inessrychlik

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Sensuality, Portraits, Iness Rychlik.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Surrealismo fotografico, le visioni noir di Kaveh Hosseini Steppenwolf

Surrealismo fotografico, le visioni noir di Kaveh Hosseini Steppenwolf

Sull'estetica intimista delle fotografie di Li Hui

Sull’estetica intimista delle fotografie di Li Hui

Cieli rosa e riflessi magici, gli scatti di Joel Thorpe

Cieli rosa e riflessi magici, gli scatti di Joel Thorpe

La città misteriosa che ricorda Stranger Things di Mark Broyer

La città misteriosa che ricorda Stranger Things di Mark Broyer

Swiss pass, i passi di montagna fotografati da Tom Hegen

Swiss pass, i passi di montagna fotografati da Tom Hegen

Color Therapy, il mondo a colori di Paolo Pettigiani

Color Therapy, il mondo a colori di Paolo Pettigiani

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati