“Through a surreal Afro-centric lens”. John Baloy esalta l’unicità dell’arte Africana

ArtobjectsPhotography

Sight is a faculty, seeing is an art.

George Perkins Marsh

Si dice che l’artista sia un visionario. Che percepisca la realtà in maniera diversa rispetto agli altri. E che abbia il compito di mostrare la bellezza dove gli altri non la riescono a scorgere. D’altra parte “Vedere è una facoltà, osservare è un’arte”, disse nel XIX secolo l’intellettuale statunitense George Perkins Marsh. A farsi portavoce di questa iconica citazione è – in tempi odierni – l’artista e fotografo John Baloy, che riprende le parole del filologo e ne fa un mantra di vita.

Attualmente tra i più rinomati e celebri fotografi di ritrattistica a Johannesburg, in Sud Africa, John Baloy intraprende la sua carriera artistica a partire dal 2017, anno in cui coraggiosamente decide di dare una svolta alla sua vita e dedicarsi totalmente alla sua passione. Lascia il suo impiego secolare come elettricista automobilistico e comincia a farsi strada nel settore facendo da assistente a vari fotografi.

Lottando continuamente per emergere e far fronte alle convenzioni artistiche del mondo della fotografia – che lo vedevano come “troppo artistico” e “poco commerciale” – John non si perde d’animo, anzi, persevera strenuamente nella sua ricerca e introspezione personale.

Esaminando a lunga la sua sensibilità e quella altrui, e guadagnando col tempo sempre più esperienza, John si rende ben presto conto di una cosa: doveva fare della sua diversità un pregio. Ma fece molto di più.

Volendo rendere omaggio alla sua terra natia, l’Africa – e alla sua gente, John si mette dalla parte di un popolo che da sempre viene considerato una minoranza, che da sempre viene emarginato e trascurato, cercando di restituirgli – attraverso la fotografia – la nobiltà che merita, ed elevando la sua bellezza esotica e pittoresca.

La sua fotografia diviene così uno strumento di riscatto, di celebrazione e glorificazione di un popolo che da troppo tempo non viene mai considerato come dovrebbe, nella sua straordinaria e imprescindibile unicità.

I volti che John immortala divengono così dei quadri, delle vere e proprie opere d’arte in digitale: surreali, suggestivi, intimi, coloratissimi e distinti da una forte componente emotiva, i ritratti di John sono molto più che semplici ritratti.

Sono espressione di patria e identità, di amore e vulnerabilità, di fascino ed esotismo, nonché di valori simbolici di una popolazione dalla bellezza straordinaria. 

Foto Copyright: John Baloy – @john.baloy

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Africa, Portraits, John Baloy.
Articolo di Giuditta Duranti

Giuditta Duranti

Vivo per scrivere, scrivo per vivere. Fotografo per passione. Da sempre innamorata dell'arte e della letteratura, mi diletto con zelo e passione a narrare le vicende del mondo e a immortalarne i momenti più belli.

Scopri altri post
La bellissima città giapponese Kamakura fotografata ad infrarossi

La bellissima città giapponese Kamakura fotografata ad infrarossi

Hola Mi Amol, i ritratti maschili di Karla Hiraldo Voleau

Hola Mi Amol, i ritratti maschili di Karla Hiraldo Voleau

Corpo umano e natura, gli esercizi visivi di Alicja Brodowicz

Corpo umano e natura, gli esercizi visivi di Alicja Brodowicz

Tutta la bellezza delle Dolomiti in bianco e nero

Tutta la bellezza delle Dolomiti in bianco e nero

Privé, il diario fotografico di Arturo Bamboo

Privé, il diario fotografico di Arturo Bamboo

La fotografia come terapia, la favola del “Piccolo principe” di Matej Peljhan

La fotografia come terapia, la favola del “Piccolo principe” di Matej Peljhan

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati