Le geometrie impossibili di István Orosz

ArtobjectsIllustration

Artista dallo stile inconfondibile, eclettico e prolifico, virtuoso dell’incisione, noto a livello internazionale anche come illustratore, pittore, scenografo e regista di film d’animazione, István Orosz è uno dei massimi esponenti dell’arte ungherese contemporanea.

Ispirato dalle opere del maestro olandese Maurits Cornelis Escher, animato da un’inestinguibile carica inventiva, Orosz deve gran parte della sua fama a una produzione incisoria caratterizzata da immagini ambigue e dense di simboli, illusioni ottiche, costruzioni impossibili, distorsioni geometriche e anamorfosi.

Orosz è un disegnatore – poeta, abile cantore del fantastico, di una dimensione immaginativa che sfida i confini del tempo e dello spazio, per approdare a una fiabesca e balzana surrealtà.

L’artista magiaro valica i limiti fisici del supporto e forza le regole della prospettiva, per creare – attraverso l’uso di tecniche tradizionali quali la linoleografia, l’incisione all’acquaforte e l’heliogravure (fotocalcografia al bitume) – composizioni di matrice matematico – geometrica, dagli effetti paradossali: geometrie allucinate e tassellature astratte, scene spaesanti e irrazionali, governate da intricatissimi ircocervi visivi e sofisticati corto – circuiti semantici.

Di particolare interesse, la sua rivisitazione in chiave moderna dell’anamorfosi, tecnica di rappresentazione pittorica, molto in voga nei sec. 16° e 17°, realizzata secondo una deformazione prospettica che ne permette la giusta visione da un unico punto di vista o attraverso uno specchio ricurvo (risultando invece alterata e incomprensibile se esaminata da altre posizioni).

István Orosz è nato a Kecskemét, in Ungheria, nel 1951. Ha studiato Graphic Design presso l’Università Moholy-Nagy, dove ha conseguito la laurea nel 1975, per poi dedicarsi allo studio delle tecniche di animazione video presso i Pannónia Film Studio di Budapest.

Professore all’University of West Hungary, co-fondatore della Hungarian Poster Designer Society, è membro, dal 2003, dell’Alliance Graphique Internationale e dell’Hungarian Art Academies. Insignito di prestigiosi premi e riconoscimenti, Orosz ha esposto le sue opere in Europa, Stati Uniti d’America e Australia.

Foro Copyright: István Orosz

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Surrealism, István Orosz.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Le illustrazioni minimal dei film anni 80/90 di Damiano Stingone

Le illustrazioni minimal dei film anni 80/90 di Damiano Stingone

Le Super famiglie della cultura Pop immaginate da Andry "Shango" Rajoelina

Le Super famiglie della cultura Pop immaginate da Andry “Shango” Rajoelina

Le illustrazioni dark di Hiroko Shiina

Le illustrazioni dark di Hiroko Shiina

Universo Chatarra, il mondo immaginato dall'illustratore Alejandro Burdisio

Universo Chatarra, il mondo immaginato dall’illustratore Alejandro Burdisio

Misticismo e surrealtà, i disegni di Otto Rapp

Misticismo e surrealtà, i disegni di Otto Rapp

Tutta l’amarezza della vita nelle ironiche illustrazioni di Disegnetti Depressetti

Tutta l’amarezza della vita nelle ironiche illustrazioni di Disegnetti Depressetti

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati