Le canzoni di David Bowie diventano fumetti vintage

ArtobjectsIllustration

todd alcott - david bowie

Lo sceneggiatore, regista e illustratore di Los Angeles, Todd Alcott, ha realizzato una nuova serie di stampe a colori, dall’aspetto retrò, per celebrare la vita creativa e i maggiori successi di una delle rock star più iconiche di tutti i tempi, David Bowie.

Heroes, Starman, Space Oddity, Under Pressure, sono solo alcuni tra i titoli leggendari di Bowie, che rimarranno per sempre nella storia della musica e del rock, cui Alcott si è ispirato per creare una serie di illustrazioni, che ricordano le copertine di vecchie riviste e di fumetti degli anni cinquanta e sessanta, come Captain Rocket e Weird Science, ideate con giornaletti vintage, di cui altera digitalmente il testo e le immagini, trasformandoli in mashup originalissimi di musica, letteratura e disegno.

E quale miglior protagonista, per queste “graphic novel” intergalattiche, se non l’eccentrico Bowie? Il messia glitterato della rivoluzione musicale, l’extraterrestre caduto sulla terra, il genio metamorfico, la starlette d’avanguardia che, tra ballate spaziali e glam rock, punk, new wave, synth-pop, dark-gothic, neo-soul e dance, con un look eccentrico e vistoso, l’ostentata artificiosità e l’estetica futurista, le scenografie apocalittiche e sfavillanti, ha letteralmente sconvolto le sacre regole del rock.

todd alcott - david bowie
todd alcott - david bowie

Così “Space Oddity”, successo del 1969, diventa la copertina di un racconto di fantascienza, “Under Pressure”, fortunata collaborazione tra Bowie e i Queen, quella di un romanzo d’avventura, e come dimenticare Life on Mars? o Ziggy Stardust, l’alter ego con i capelli arancioni, un alieno dall’apparenza androgina che impersona l’ultima rock star di un mondo sull’orlo dell’apocalisse.

Bowie dressed as an androgynous alien, went out onstage and told his audience ‘You’re not alone, give me your hands,’ I can’t think of a more encompassing gesture to a misfit. No matter how weird you were in your community, you would always find someone like you at a Bowie concert. During a time of my life when I felt incredibly isolated and alone, Bowie was one of the key artists who made me feel like I was part of a bigger world, an artistic continuum.

– Todd Alcott

todd alcott - david bowie
todd alcott - david bowie
todd alcott - david bowie
todd alcott - david bowie
todd alcott - david bowie

Foto Copyright: Todd Alcott – toddalcott.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: vintage, David Bowie, Todd Alcott.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Le illustrazioni minimal dei film anni 80/90 di Damiano Stingone

Le illustrazioni minimal dei film anni 80/90 di Damiano Stingone

Le Super famiglie della cultura Pop immaginate da Andry "Shango" Rajoelina

Le Super famiglie della cultura Pop immaginate da Andry “Shango” Rajoelina

Le illustrazioni dark di Hiroko Shiina

Le illustrazioni dark di Hiroko Shiina

Universo Chatarra, il mondo immaginato dall'illustratore Alejandro Burdisio

Universo Chatarra, il mondo immaginato dall’illustratore Alejandro Burdisio

Misticismo e surrealtà, i disegni di Otto Rapp

Misticismo e surrealtà, i disegni di Otto Rapp

Tutta l’amarezza della vita nelle ironiche illustrazioni di Disegnetti Depressetti

Tutta l’amarezza della vita nelle ironiche illustrazioni di Disegnetti Depressetti

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati