Isabelle Wenzel, una fotografa acrobata

ArtobjectsPhotography

Artista di nazionalità tedesca, Isabelle Wenzel ha incentrato la sua pratica artistica sul rapporto tra autoritratto, performance e rappresentazione del corpo.

Con un passato da acrobata, Isabelle sfrutta le sue abilità ginniche per esplorare e mettere alla prova i limiti del corpo, un corpo-oggetto del quale l’artista esalta le qualità plastiche e formali.

My process is a very intuitive interaction between myself and the camera. It is hard to distinguish all the roles I incorporate—sometimes I think I’m just a performer, but then I’m also the photographer and always have the images in mind. I mostly work with the autotimer which puts me under a strong time constraint during the shot. I like the aspect of trying to control the image while not being able to control it at all as I can’t look through the camera and be in front of it at the same time.

Isabelle Wenzel

Usando il proprio corpo come linguaggio ed espressione creativa, la Wenzel si mette in scena davanti all’obbiettivo in pose e movimenti contorti, che sfidano la forza di gravità e la resistenza fisica, eternando, quindi, il gesto performativo effimero in immagine fotografica.

Isabelle Wenzel è nata nel 1982, e attualmente vive e lavora a Wuppertal, in Germania. Isabelle si è diplomata alla Rietveld Academy di Amsterdam nel 2010.

I suoi lavori sono stati esposti alla Parisian Gallerie de Roussan, al Nederlands Fotomuseum di Rotterdam, al Fotografisk Center di Copenaghen, al FOAM Amsterdam, alla Metro Hall di Toronto, e al Museum Het Valkhof di Nijmegen, tra gli altri. Le sue opere sono incluse nelle collezioni permanenti di FOAM, VU Medical Center, ENECO, SBK, Ymere, Kunstvijver, oltre a numerose collezioni private.

Foto Copyright: Isabelle Wenzel – isabelle-wenzel.com@isabelle.w.e.n.z.e.l

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Portraits, Isabelle Wenzel.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Dalla giovinezza alla femminilità nelle fotografie di Tamara Lichtenstein

Dalla giovinezza alla femminilità nelle fotografie di Tamara Lichtenstein

Le fotografie oniriche di Gaby Herbstein

Le fotografie oniriche di Gaby Herbstein

Le fotografie di viaggio di Arnaud Montagard

Le fotografie di viaggio di Arnaud Montagard

“Botanica”, una serie di autoritratti di Maren Klemp

“Botanica”, una serie di autoritratti di Maren Klemp

“City Space”, la fotografia urbana di Clarissa Bonet

“City Space”, la fotografia urbana di Clarissa Bonet

La nostalgia del mondo che cambia nei negozi abbandonati fotografati da Thibaut Derien

La nostalgia del mondo che cambia nei negozi abbandonati fotografati da Thibaut Derien

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati