Il realismo onirico di Lottie Davies

L’artista britannica Lottie Davies, nata a Guilford, nella Contea del Surrey in Inghilterra, nel 1971, è una delle interpreti più originali della Staged Photography contemporanea, autrice di tableaux di grande impatto estetico e di straordinaria potenza evocativa, fotografie che sembrano estrapolate da un film noir, frame di paesaggi onirici che richiamano alla mente favole fibrillanti e i sogni spaventosi dei bambini.

Le sue immagini di grande formato, realizzate con una Horseman e una Wista 5×4, sono opere al confine tra fotografia, pittura e teatro, offrono rivisitazioni stranianti di ambienti domestici o spazi naturali, sospesi in un’aria d’attesa in cui i personaggi appaiono serrati nel sordo rumore del silenzio, congelati in una triste incomunicabilità, scene immobili dai colori pieni e brillanti, che provocano nell’osservatore una sensazione di agitazione e di disagio.

Nella serie Memories and Nightmares la Davies indaga le potenzialità narrative e illusionistiche della fotografia, un medium storicamente considerato, in un’accezione spesso riduttiva, descrittivo e documentario, racconta piccole storie, ricordi d’infanzia, sogni ricorrenti e incubi terrificanti, personali o che ha raccolto tra i suoi conoscenti, e li mette in scena creando un immaginario sospeso tra realtà e artificio, che richiama alla mente le atmosfere surreali di David Lynch, la malinconia e la solitudine angosciante dei quadri di Edward Hopper.

La progettazione e la preparazione di ogni scatto prevede un lavoro meticoloso e paziente, le scenografie sono allestite nel minimo dettaglio, la luce gioca un ruolo indispensabile nella resa dell’atmosfera teatrale e inquietante in cui sono inseriti gli attori, ogni particolare – un oggetto, un’ombra, un colore – concorre a ricostruire la storia, costituisce un anello fondamentale dello storytelling.

My project ‘Memories and Nightmares’ is concerned with nightmares and early childhood memories, and the construction of identity through private interior narrative. At the beginning of 2008 I asked several of my friends to send me written accounts of either an early childhood memory or a nightmare. I have been using the resulting stories as inspiration for a series of images.

– Lottie Davies

Grazie allo stile unico e all’indiscutibile abilità tecnica, la Davies ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti, tra gli altri, l’“International Color Awards”, e gli “Schweppes Photographic Portrait Awards”. Con l’opera “Viola as Twins”, della serie “Memories and Nightmares”, si è aggiudicata il “Photographic Art Award “e il “Premio Arte Laguna” a Venezia nel 2011. Le sue fotografie sono esposte in tutta Europa e negli Stati Uniti d’America.

Foto Copyright: Lottie Davies – lottiedavies.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.

Recent Posts
Comments
  • marcus flores
    Rispondi

    certe foto sono stupende.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search