I maestri della silografia giapponese in mostra al Palazzo Reale di Milano

ArtobjectsIllustration

Hokusai-Hiroshige-e-Utamaro

Per gli amanti dell’arte giapponese, è a Milano il prossimo appuntamento da non perdere. Fino al 29 Gennaio 2017 Palazzo Reale, in occasione dei 150 anni di relazioni tra Italia e Giappone, una mostra dedicata ai grandi maestri dell’arte moderna giapponese: Hokusai Hiroshige e Utamaro.

Un’occasione unica per immergersi in uno dei periodi più affascinanti, moderno eppure così lontano, dell’arte del “Mondo Fluttuante” scoprendo, in 200 opere di tre tra i maggiori artisti di Settecento e Ottocento, l’arte della silografia e dell’illustrazione nel Giappone moderno.

Le opere, provenienti dalla collezione dell’Honolulu Museum of Art, sono articolate in un percorso che immerge poco a poco il visitatore in una cultura tanto lontana quanto profondamente legata alla nostra, che ha influenzato profondamente l’arte occidentale del ‘900. Le sale raccolgono per aree tematiche i capolavori dei tre maestri, vissuti a cavallo tra ‘700 e ‘800, attraverso interessanti accostamenti tematici, interpretazioni differenti degli stessi soggetti e le famose serie: sequenze di silografie che, sotto una stessa ispirazione, raccolgono esempi di paesaggi, scorci di città, personaggi reali o immaginari.

Come una narrazione, l’esposizione ritrae, attraverso le testimonianze dei maggiori rappresentanti dell’epoca, un microcosmo artistico, estetico, ma anche sociale, con un interessante scostamento che conduce il visitatore ad immergersi nell’opera, per ammirarne la raffinatezza tecnica, l’interessante rapporto con la prospettiva, l’uso del colore e dell’espressività facciale, per poi subito allontanarsene, guardandosi intorno per ammirare, in un solo sguardo, quello che è prima di tutto l’espressione di un modello storico e sociale, una serie di esigenze di mercato e la ricerca di un’identità politica che caratterizzano la produzione, e la vita, degli artisti giapponesi.

Proprio questa è la magia che questa esposizione, e al tempo stesso l’arte giapponese nel suo complesso, sa trasmettere a chiunque la osservi. Un mondo lontano, ma al tempo stesso affascinante, che incuriosisce e, proprio per questo, sa farsi scoprire poco a poco dal visitatore interessato.

Un’arte che si fa apprezzare per la sua spontaneità e il suo istintivo richiamo estetico all’osservatore, ma che nasconde una complessità legata alla storia e alla società del contesto in cui si è sviluppata. Il fascino è proprio quello di scavare sempre più a fondo, alla scoperta dei significati nascosti delle opere e delle correnti artistiche del “Mondo Fluttuante”, per leggere ogni volta le sue espressioni artistiche in modo più completo e scoprire in quanti modi quest’arte fa oggi parte della nostra cultura.

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Articolo di Giulia Corino

Giulia Corino

Travelling as passion - learning as mission - writing as outcome - living as purpose

Scopri altri post
Semplici illustrazioni concettuali di Pablo Tesio

Semplici illustrazioni concettuali di Pablo Tesio

Imperfezione è bellezza. Accettazione e libertà nelle illustrazioni di Carmen Suya

Imperfezione è bellezza. Accettazione e libertà nelle illustrazioni di Carmen Suya

Scarabocchi d'autore, i ritratti a penna di Adam Riches

Scarabocchi d’autore, i ritratti a penna di Adam Riches

Le iper megalopoli disegnate da Benjamin Sack

Le iper megalopoli disegnate da Benjamin Sack

I disegni a puntinismo di Futaro Mitsuki

I disegni a puntinismo di Futaro Mitsuki

Le illustrazioni fluo di Bang Sangho

Le illustrazioni fluo di Bang Sangho

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati