Holly Spring presenta Violet, la splendida bambina senza una mano

ArtobjectsPhotography

Chi afferma che vivere bene con una malformazione fisica è impossibile si sbaglia di grosso, e a dimostrarlo non è un sondaggio o una ricerca scientifica, ma delle fotografie.Holly Spring, giovane fotografa Neozelandese, è la mamma di Violet, una bambina apparentemente poco fortunata: affetta da sindrome di Hirschsprung, sottoposta ad una operazione chirurgica poco dopo la nascita, nata mutila della mano sinistra.

Destinata ad una vita di sofferenza, Holly ha trovato nella fotografia il modo migliore per ritrovare la forza sufficiente per sé e per la sua bambina. Chi dice che senza una mano, o con un pezzo di intestino in meno, la vita debba essere brutta? Purtroppo sono in tanti ad avere questa convinzione, ed è a tutti loro che le fotografie di Holly urlano che, in realtà, è tutto l’opposto!

E il primo pensiero di Holly va sempre a Violet, sua musa, sua ispirazione, suo cuore. È a lei che pensa Holly quando, nascondendosi dietro all’obiettivo per lo scatto, o davanti al computer per i ritocchi, crea la foto perfetta.

Per Violet è ancora tutto possibile, a partire dalla conduzione di una vita normale.

Parola d’ordine: credere in se stessi. Questa è l’unica via che porterà ovunque si voglia andare.

E con questa forza e questi obiettivi, Holly ha creato immagini spettacolari che ritraggono la figlia in paesaggi e contesti che mescolano il normale al fantastico. Questo a dimostrazione del fatto che, nonostante le numerose prove cui la vita le ha sottoposte, non solo riescono a condurre una vita normale ma hanno anche quel qualcosa in più che le rende ancora più speciali.

Foto Copyright: Holly Spring

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Portraits.
Articolo di Eleonora Agnelotti

Eleonora Agnelotti

Studentessa di Terapia della Neuro e Psicomotricità con il sogno di aiutare gli altri. Le mie passioni: viaggiare, conoscere e fotografare.

Scopri altri post
Il corpo come oggetto nella fotografia di Joanne Leah

Il corpo come oggetto nella fotografia di Joanne Leah

La fotografia come oggetto fisico, Little Romances di Jordanna Kalman

La fotografia come oggetto fisico, Little Romances di Jordanna Kalman

Mariell Amélie, autoritratti concettuali tra natura e surrealtà

Mariell Amélie, autoritratti concettuali tra natura e surrealtà

Soft Interface, i puzzle fotografici di Maria Antelman

Soft Interface, i puzzle fotografici di Maria Antelman

La solitaria bellezza delle Isole Faroe nelle fotografie di Lazar Gintchin

La solitaria bellezza delle Isole Faroe nelle fotografie di Lazar Gintchin

Catturare emozioni. La fotografia di Marta Syrko

Catturare emozioni. La fotografia di Marta Syrko

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati