Gli autoritratti surreali ed onirici di Erika Zolli

ArtobjectsDigital

Erika Zolli fotografa milanese di cui abbiamo già parlato per la serie Geometric Variants presenta il suo ultimo progetto Me at my best, dove surreale ed onirico incontrano e coinvolgono il suo essere.

Una giovane donna gioca e stuzzica le fantasia del sogno, tra evanescenti evocazioni su colori pastello, in delicati ed eterei autoritratti.

Un nuovo codice visivo, al di fuori di ogni preoccupazione estetica e morale, dove le leggi della logica vengono fermate per dare spazio a ciò che è illogico e impossibile. L’osservatore si troverà di fronte a metamorfosi in fiori, bagni caldi in tazze da the, sublimazione del corpo e mimesi con l’ambiente circostante.

-Erika Zolli

Foto Copyright: Erika Zolli

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Portraits, Erika Zolli.
Articolo di Andrea Ebbi

Andrea Ebbi

Artista, designer e fondatore di Objects. Il futuro è tutto da scrivere

Scopri altri post
Le creature giganti di Pavel Protsenko

Le creature giganti di Pavel Protsenko

Realtà immaginarie interconnesse di Ted Chin

Realtà immaginarie interconnesse di Ted Chin

Mistero, sogno e illusione. Il mondo trascendente di Jaieart

Mistero, sogno e illusione. Il mondo trascendente di Jaieart

I paesaggi digitali di Hubert Blanz

I paesaggi digitali di Hubert Blanz

Tra profanità e surrealismo. Il mondo onirico di Slime Sunday

Tra profanità e surrealismo. Il mondo onirico di Slime Sunday

Giraffe in piscina nel corto di Nicolas Deveaux

Giraffe in piscina nel corto di Nicolas Deveaux

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati