Gli autoritratti deformati di Luciana Urtiga

ArtobjectsPhotography

Luciana Urtiga è una fotografa emergente di origine brasiliana, dal linguaggio particolarissimo, che realizza autoritratti dall’aspetto onirico, evocativi e di sottile intensità psicologica. 

Sperimentando diverse tecniche di manipolazione digitale, Luciana inscena rappresentazioni surreali, utilizzando il proprio volto e il proprio corpo come elementi significanti, intrigando l’osservatore con immagini inconsuete, sorprendenti, illusorie, perfino disturbanti. 

Le fotografie in bianco e nero della Urtiga, tutto un pullulare di facce caleidoscopiche, scomposte e deformate, rappresentano una trasposizione immaginifica della sua realtà interiore, di pensieri e sentimenti, dei tormenti che agitano la sua anima, della percezione che ha di sé stessa e del rapporto con gli altri.

Foto Copyright: Luciana Urtiga – @lurtiga

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Portraits, Luciana Urtiga.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
La cultura afroamericana nella fotografia concettuale di Michael Amofah

La cultura afroamericana nella fotografia concettuale di Michael Amofah

Le case solitarie sugli appennini di Vincenzo Pagliuca

Le case solitarie sugli appennini di Vincenzo Pagliuca

Storia di un matrimonio, Dream Away di Michael N. Northrup

Storia di un matrimonio, Dream Away di Michael N. Northrup

Isolamento, leggerezza, perdizione. La bellezza della solitudine con Minh T.

Isolamento, leggerezza, perdizione. La bellezza della solitudine con Minh T.

New York negli anni '60 fotografata da Evelyn Hofer

New York negli anni ’60 fotografata da Evelyn Hofer

La più grande miniera di rame in Europa fotografata da Tom Hegen

La più grande miniera di rame in Europa fotografata da Tom Hegen

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati