Fotografia e pittura, Life and Death in Hackney di Tom Hunter

life-and-death-in-hackney-tom-hunter-1

Life and Death in Hackney dell’artista britannico Tom Hunter, è una serie di dieci grandi opere fotografiche, realizzate dal 1998, che rivisitano e rileggono in chiave moderna e nel paesaggio urbano dell’East London, dipinti celebri di maestri dell’età vittoriana, in particolare della Confraternita Preraffaellita, Millais, Waterhouse, Alfred Wallis e Arthur Hughes, tra gli altri.

La ricchezza dei colori, il naturalismo meticoloso, il simbolismo, e i riferimenti letterari, l’attenzione alle questioni sociali, cardini di questo filone della pittura del secondo ottocento inglese, sono rielaborati nelle immagini estranianti e cariche di pathos di Hunter, con un linguaggio visivo crudo e realistico.

Le sue fotografie, cui fa da sfondo Hackney, oggi uno dei quartieri più trendy a nord-est di Londra, con i suoi locali di tendenza e i mercatini bio, un tempo sobborgo industriale decadente e insicuro, negli anni novanta noto per la scena underground, e teatro di rave, documentano il degrado, l’amore, la morte, l’alienazione sociale, l’abuso di droghe, di una generazione in bilico tra sogni e smarrimento

life-and-death-in-hackney-tom-hunter-8
life-and-death-in-hackney-tom-hunter-9

Così The Way Home è un rimando esplicito all’Ophelia di John Everett Millais, che si trasforma, nell’immagine di Hunter, in una ragazza caduta e annegata in un canale, al rientro a casa da una festa. Come l’eroina shakespeariana del quadro, la giovane donna soccombe nell’acqua avvolta dal verde brillante della vegetazione, quasi a divenire un tutt’uno con essa, abbandonata completamente al suo inevitabile e triste destino.

Con una tecnica di messa a fuoco nitida e omogenea, Hunter cattura nei suoi scatti ogni piccolo dettaglio, combinando tinte sature e luminose con atmosfere delicate di luce naturale.

This maligned and somewhat abandoned area became the epicentre of the new warehouse rave scene of the early 90’s. This Venice of the East End, with its canals, rivers and waterways, made a labyrinth of pleasure gardens and pavilions in which thousands of explorers travelled through a heady mixture of music and drug induced trances.

-Tom Hunter

Foto Copyright: tomhunter – TomHunterArtist

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search