Ecoparco Bacalar, tra natura e architettura per la conservazione ambientale

ArchiobjectsPublic Spaces & Landscape

Ecoparco

Nel cuore del Messico, l’Ecoparco Bacalar rappresenta un’ottima pratica su come architettura e natura possano fondersi in armonia e per un fine che protegge la seconda.

Questo progetto, frutto della visione del Colectivo C733, si propone come un ponte tra l’uomo e l’ambiente naturale della Laguna di Bacalar, luogo noto per ospitare la più grande barriera corallina batterica d’acqua dolce del mondo.

Con un’attenzione meticolosa rivolta alla minimizzazione dell’impatto ambientale, l’Ecoparco si sviluppa attraverso una piattaforma quadrata di 200 metri per lato, disegnata per elevarsi delicatamente sopra le mangrovie senza disturbarle, diventando così un osservatorio unico per la laguna, le mangrovie e il cielo stellato.

La sostenibilità è al centro del progetto, con l’utilizzo di legno locale e certificato che funge da struttura portante, dimostrando come sia possibile costruire in modo responsabile e rispettoso dell’ambiente. Strategie paesaggistiche innovative, quali filtri naturali e giardini pluviali, mirano a mitigare l’inquinamento, contribuendo attivamente al ripristino delle mangrovie degradate.

L’Ecoparco Bacalar rappresenta un modello di impegno verso la tutela dell’ambiente, promuovendo la sensibilizzazione e la partecipazione attiva della comunità locale nella conservazione delle loro ricchezze naturali.

Questo spazio non è soltanto un’area di osservazione e di incontro con la natura, ma un simbolo di come il design consapevole possa educare e ispirare verso pratiche più sostenibili, mantenendo intatta la bellezza e la biodiversità del nostro pianeta per le future generazioni.

ARCHITECTS. Colectivo C733 @c733_

IMAGES © Rafael Gamo @rafaelgamo

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Articolo di Luca Onniboni

Luca Onniboni

Autore e fondatore di Objects., Archiobjects e Marketing For Architects. Esperto in comunicazione e appassionato di Architettura, Design e Marketing. E' anche un consulente, un nuotatore, un motociclista e un instancabile ricercatore

Scopri altri post
Gli spazi abbandonati fotografati da Ryan Koopmans

Gli spazi abbandonati fotografati da Ryan Koopmans

Le fotografie minimaliste di Stuart Allen

Le fotografie minimaliste di Stuart Allen

In memoria di Richard Serra. L’ossessione della scultura gigante

In memoria di Richard Serra. L’ossessione della scultura gigante

Il campo sportivo indoor Hexi all'Università di Shaoxing

Il campo sportivo indoor Hexi all’Università di Shaoxing

La serenità del centro visitatori di Filsø in Danimarca

La serenità del centro visitatori di Filsø in Danimarca

Sotto il ponte c'è uno skatepark a Ljubljana

Sotto il ponte c’è uno skatepark a Ljubljana

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati