Chema Madoz, il surrealismo nella vita di tutti i giorni

ArtobjectsPhotography

Jose Maria Rodriguez Madoz, nato a Madrid nel 1958 e più conosciuto come Chema Madoz, è un fotografo che crea nature morte surrealiste, partendo da oggetti di vita quotidiana, cui dona nuovi significati.

Sono scatti paradossali, con cui costruisce metafore artistiche: le sue immagini riflettono un universo magico, in cui gli oggetti non sono mai quello che sembrano.Le sue opere giocano con l’illusione ottica e col paradosso della comprensione. Ogni oggetto nasconde molteplici sfumature, svincolate dai canoni della fotografia moderna: niente accessori, colori, titoli; l’oggetto è abbandonato a se stesso, nudo nella sua nuova realtà, che deve essere interpretata dallo spettatore incontaminato.

Gli oggetti hanno lo stesso carattere delle parole: si contaminano l’un l’altro generando significati sempre nuovi

Foto Copyright: Chema Madoz

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Articolo di Eleonora Agnelotti

Eleonora Agnelotti

Studentessa di Terapia della Neuro e Psicomotricità con il sogno di aiutare gli altri. Le mie passioni: viaggiare, conoscere e fotografare.

Scopri altri post
Il corpo come oggetto nella fotografia di Joanne Leah

Il corpo come oggetto nella fotografia di Joanne Leah

La fotografia come oggetto fisico, Little Romances di Jordanna Kalman

La fotografia come oggetto fisico, Little Romances di Jordanna Kalman

Mariell Amélie, autoritratti concettuali tra natura e surrealtà

Mariell Amélie, autoritratti concettuali tra natura e surrealtà

Soft Interface, i puzzle fotografici di Maria Antelman

Soft Interface, i puzzle fotografici di Maria Antelman

La solitaria bellezza delle Isole Faroe nelle fotografie di Lazar Gintchin

La solitaria bellezza delle Isole Faroe nelle fotografie di Lazar Gintchin

Catturare emozioni. La fotografia di Marta Syrko

Catturare emozioni. La fotografia di Marta Syrko

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati