Zhang Huan e la memoria della cenere

Zhang Huan è un artista concettuale e performer cinese, nato nel 1965 a Yang City, nella provincia di Henan. Dopo una formazione classica in pittura all’ Accademia di Belle Arti di Pechino, negli anni novanta conquista la scena avanguardista dell’East Village praticando performance estreme di body art, in cui mette a dura prova il proprio corpo, medium privilegiato e protagonista assoluto della sua lunga attività artistica.
Huan impiega il corpo, rigorosamente nudo, in imprese di resistenza fisica e psichica faticosissime, spingendosi al limite, e accogliendo pienamente il dolore, come in 12m2, prestazione del 1994 che lo ha reso celebre, durante la quale, completamente ricoperto di miele, resta immobile per un’ora in un bagno pubblico in balia delle mosche.

Dopo una lunga parentesi a New York, dove le sue pratiche artistiche estemporanee divengono sempre più elaborate concettualmente, e radicali, nel 2005 torna in Cina, a Shanghai, e abbandonata la pratica dell’arte corporea, si dedica alla scultura, alla pittura e alla realizzazione di installazioni in situ di grandi dimensioni, adoperando come nuovo mezzo di espressione la cenere.

La cenere d’incenso, raccolta ancora calda dai turiboli dei templi di Shanghai, che i fedeli buddisti bruciano ai piedi della statua del Budda in segno di preghiera, è elemento primario delle sue opere d’arte, cui conferisce valore simbolico e una dimensione fortemente sacrale, dopo essere ripartita secondo la gradazione del colore, è setacciata e impiegata per le sue sculture effimere, e per gli “Ash paintings”.

These ash remains speak to the fulfillment of millions of hopes, dreams and blessings. It was here that I finally discovered the ingredient I had been looking for to pave the way for new work.

– Zhang Huan

Tematiche centrali della sua poetica e della sua ricerca artistica sono la spiritualità buddhista e le antiche tradizioni cinesi, memoria e identità di un popolo e di una cultura millenaria, che trovano massima espressione nell’uso della cenere, come materiale artistico e come oggetto cultuale, ma anche come punto di partenza per una profonda riflessione sulla fragilità della natura umana, e nella scelta dei soggetti che vanno dalle raffigurazioni su larga scala di Buddha al ritratto di Mao.

Le opere di Zhang Huan sono esposte nelle collezioni dei più prestigiosi musei del mondo, il MoMa, il Guggenheim di New York, il Centre George Pompidou a Parigi. Ha partecipato alle più importanti manifestazioni a livello internazionale come la Biennale di Venezia nel 1999, la Biennale di Lione del 2000, la Triennale di Yokohama nel 2001, la Biennale di Gwangiu nel 2006 e la Biennale di Shanghai nel 2010.

Foto Copyright: Zhang Huan – zhanghuan.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search