Woody Allen e la moda anni ’30 di Café Society

FashionobjectsFashion

Lo scorso 29 settembre è uscito nelle sale italiane l’ultimo capolavoro di Woody Allen. Il film è ambientato tra i locali jazz di New York e la sfavillante Hollywood degli anni ’30, i famosi anni ruggenti.

La storia è quella di Bobby Dorfman (Jesse Eisenberg), un giovane newyorkese, che tenta la strada del successo nel cinema trasferendosi a Los Angeles.Il film ben descrive l’atmosfera di quegli anni in ogni sfaccettatura: dalle lussuose vite degli uomini d’affari di Hollywood alla violenza dei gangster a New York.

Non è però solo lo scenario ad affascinare, ma anche il guardaroba di scena, in particolare quello dei due personaggi femminili, Vonnie e Veronica, interpretate rispettivamente da Kristen Stewart e Blake Lively; pensato e curato dalla costumista Suzy Benzinger.

Gli abiti diventano elementi funzionali all’interno della pellicola. Lo stile è quello degli anni ’30.

Uno stile glamour ed etereo che, nel film, caratterizza i personaggi e li distingue a livello sociale e psicologico.

Per Blake Lively l’ispirazione è Carolina Herrera, l’abito in lamè argento e le paillettes sono protagoniste. Per Kristen Steward, invece, grazie alla collaborazione con la Maison di Karl Lagerfeld, il repertorio è Chanel: abitini bon ton, scarpe in vernice, camicette e guanti in nappa.Per il giorno Veronica e Vonnie indossano abiti chemisier o tailleur con gonne sopra al ginocchio, la sera gli abiti si accorciano, paillettes e frange prendono il posto delle linee fini e bon ton, in alternativa, abiti lunghissimi in lucido satin.I capelli sono lasciati morbidi con onde larghe, gli orecchini di diamanti e le scarpe, indiscutibilmente, modello Mary Jane portate con basse calze colorate che completano il look.

Le donne anni ’30 di Woody Allen sono castigate fanciulle remissive di giorno e sicure femme fatale in abiti da sirena scintillanti la sera.

Un gioco di ruoli che non passerà mai di moda.

Foto Copyright: GQItalia – Vogue

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Articolo di Alessandra Agnati

Alessandra Agnati

Fashion brand manager. Sogno in grande, con i piedi per terra.

Scopri altri post
Oltre l’apparenza. Kristina Varaksina

Oltre l’apparenza. Kristina Varaksina

Le scarpe fatte con le alghe di Native Shoes

Le scarpe fatte con le alghe di Native Shoes

I tacchi che seminano colza della designer giapponese Sputniko!

I tacchi che seminano colza della designer giapponese Sputniko!

Tradizione tessile e arti visive, le soft sculpture di Sandra de Groot

Tradizione tessile e arti visive, le soft sculpture di Sandra de Groot

10 brand di scarpe che riducono il tuo impatto ambientale

10 brand di scarpe che riducono il tuo impatto ambientale

T Elements. Borse, accessori e idee con i ritagli dei tessuti delle tende da sole

T Elements. Borse, accessori e idee con i ritagli dei tessuti delle tende da sole

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati