Tra pittura e fotografia, “Xteriors” di Desirée Dolron

ArtobjectsPhotography

Nata a Haarlem, in Olanda, nel 1963, Desirée Dolron è una fotografa di straordinario talento, che ha saputo affermarsi, nel corso dei decenni, grazie a un linguaggio visivo che rimanda a epoche diverse della produzione dell’arte.

Quella della Dolron, la cui opera spazia dalla fotografia documentaristica, allo still life, alla ritrattistica, è un’espressione artistica legata a retaggi del passato, un omaggio all’epoca d’oro della pittura olandese, ai maestri fiamminghi – Rembrandt, Vermeer, Petrus Christus e Rogier van der Weyden – di cui riprende i precetti sulla spazialità e l’uso della luce, sulla resa psicologica dei personaggi, declinandoli nel linguaggio fotografico.

Nella serie Xteriors, realizzata tra il 2001 e il 2006, la Dolron mostra, in maniera particolare, la sua propensione alla rappresentazione pittorica, a uno studio ossessivo delle scenografie e della gestualità degli attori, del colore e dell’aspetto luministico, costruisce tableaux di straordinaria acutezza e di notevoli qualità estetiche, a metà strada tra pittura e fotografia, tra analogico e digitale.

Tratto distintivo della sua pratica fotografica è la cura minuziosa di ogni dettaglio, una precisione quasi maniacale nelle scelte compositive e nei giochi sublimi di luce e oscurità, che si compenetrano e si completano, con effetti estremamente raffinati, e conferiscono alle sue immagini un’efficace matrice pittorica.

I colori sono cupi, lividi, le pelli diafane, gli sguardi assorti e pungenti, i volti, di una bellezza purissima, hanno il potere di stregare.

Le figure prendono posto nella composizione secondo precisi rapporti di scala e di proporzioni, che danno alla mise en scène un alone di mistero e di inquietudine.

Desirée Dolron vive e lavora ad Amsterdam. Le sue opere sono esposte in numerose collezioni pubbliche e private, tra gli altri, al Solomon R. Guggenheim Museum di New York, alla Collezione H&F a Barcellona, al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia a Madrid, al Gemeentemuseum all’Aia, al Museo Stedelijk di Amsterdam, alla Collection Neuflize Vie a Parigi e al Victoria and Albert Museum di Londra.

Foto Copyright: Desirée Dolron – desireedolron.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Pittura, Desirée Dolron.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
La luce scura delle montagne  islandesi, Jan Erik Waider

La luce scura delle montagne islandesi, Jan Erik Waider

Fotografia ed esplorazione del sé. I ritratti introspettivi di Anemites

Fotografia ed esplorazione del sé. I ritratti introspettivi di Anemites

Gli autoritratti concettuali di Iness Rychlik

Gli autoritratti concettuali di Iness Rychlik

"Sabine", il diario fotografico di Jacob Aue Sobol

“Sabine”, il diario fotografico di Jacob Aue Sobol

La diseguaglianza sociale ed economica del Brasile nelle foto aeree di Johnny Miller

La diseguaglianza sociale ed economica del Brasile nelle foto aeree di Johnny Miller

La fotografia tra reale e immaginario di Cécile Decorniquet

La fotografia tra reale e immaginario di Cécile Decorniquet

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati