Ritratti di tetra solitudine. I dipinti ultraterreni di Zhiyong Jing

ArtobjectsArt

The real temptation you face is that the world gives you too many choices. When everything you know best is gone, you may understand the meaning of life. Keep hope, don’t let time dilute our love.

ZhiYong Jing

Tra figure solitarie che prendono fuoco, astronauti, pianeti, deserti, valli e personaggi sinistri a zonzo per i crateri lunari, quello di ZhiYong Jing è il ritratto di realtà assurde che prendono magicamente vita nei suoi dipinti cinematici.

Realtà extraterrestri, stravaganti – disseminate da una coltre di mistero e oscurità, popolate da figure sibilline e ambigue, animate da atmosfere inquietanti e inspiegabili – richiamano alla mente un futuro irreale e al contempo così familiare.

Qual è il destino dell’uomo? Attraverso personaggi ambigui e funerei che vagano alacremente per spazi metafisici, ZhiYong Jing sembra voler suggerire un senso di vastità tanto ampio quanto il sentimento di solitudine che aleggia nei suoi scenari. Siamo destinati a un futuro di solitudine? ZhiYong non ha intenzione di dare spiegazioni o rispondere a tale interrogativo, si limita a rappresentare realtà chimeriche e a definirsi un semplice pittore di “sogni, corpi e realtà assurde”.

Laureatosi all’Accademia di Belle Arti di Tianjin, ZhiYong Jing è un artista cinese con base a Pechino, specializzato in pittura a olio. La sua produzione artistica vanta dipinti su tela e dipinti su legno di piccolo formato (spesso 30 x 30 centimetri).

Nonostante questo, l’artista riesce ugualmente a ricreare immagini, storie e mondi soprannaturali che invitano lo spettatore a immergersi completamente nella narrazione visiva di elementi comuni e altri insoliti.

La sensazione provocata dai suoi dipinti ha un che di affascinante e angosciante al tempo stesso, rifacendosi sapore cinematografico, aspetto quest’ultimo sottolineato dall’uso occasionale da parte dell’artista di riferimenti a personaggi della cultura pop (Breaking Bad, Le Iene e Joker).

Fra i personaggi ambigui “di spicco” invece, ne troviamo uno ricorrente che si nasconde sotto un lenzuolo bianco sporco di sangue. Simile a un fantasma, esso vaga per foreste, deserti e cieli come un serial killer. Sta allo spettatore ricostruire il crimine e la storia portante, a libera interpretazione.

Con uno stile impattante e travolgente, ZhiYong Jing riesce a conquistare i suoi spettatori attraverso il fascino dell’inquietudine e del sublime.

Foto Copyright: ZhiYong Jing – jingzhiyong.com@jingzhiyong

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Pittura, Zhiyong Jing.
Articolo di Giuditta Duranti

Giuditta Duranti

Vivo per scrivere, scrivo per vivere. Fotografo per passione. Da sempre innamorata dell'arte e della letteratura, mi diletto con zelo e passione a narrare le vicende del mondo e a immortalarne i momenti più belli.

Scopri altri post
Gli acquerelli ispirati alla natura di Carmel Seymour

Gli acquerelli ispirati alla natura di Carmel Seymour

I dipinti sottomarini di Martine Emdur

I dipinti sottomarini di Martine Emdur

Com'era e come potrebbe essere, gli affascinanti dipinti di David Ambarzumjan

Com’era e come potrebbe essere, gli affascinanti dipinti di David Ambarzumjan

Gli autoritratti in vasca di Lee Ann Price

Gli autoritratti in vasca di Lee Ann Price

Le vitali nature morte di Sari Shryack

Le vitali nature morte di Sari Shryack

Le cartoline esotiche di Joanne Ho

Le cartoline esotiche di Joanne Ho

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati