Pittura e fotografia, Zombie di Jean-François Lepage

ArtobjectsArt

Fotografo di moda di fama internazionale, con una fortunata carriera pluridecennale iniziata negli anni Ottanta, Jean-François Lepage dal 2014 si è allontanato dalla fotografia canonica per sperimentare nuove tecniche e nuovi linguaggi.

Per la serie “ZOMBIE (2018-2020) From light to shadow, from shadow to light. Sixty-height unique pieces”, Lepage ha ripescato e reinventato attraverso la pittura alcune immagini del suo archivio, donando loro un senso nuovo e una diversa connotazione estetica. 

Si tratta di un procedimento di riciclo creativo di vecchie stampe cromogeniche e alla gelatina d’argento dipinte a mano, un corpus di opere dai colori squillanti o cupamente monocromatiche, dal fascino oscuro.

Jean-François Lepage è nato a Parigi nel 1960. Il suo lavoro è apparso per la prima volta sulla rivista Depeche Mode nel 1981, e ha tenuto la sua prima mostra personale nel 1983. Le sue opere sono apparse in numerose pubblicazioni internazionali e sono state oggetto di una mostra nel 2013 al 28° Festival Internazionale di Moda e di Fotografia di Hyères. Lepage ha esposto a Parigi, Amsterdam, Brugge, Liegi, Istanbul e Londra. Jean-François Lepage è rappresentato dalla Galleria TOBE di Budapest.

Foto Copyright: Jean-François Lepage – jeanfrancoislepage.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Pittura, Horror, Jean-François Lepage.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Il corpo femminile secondo Sasha Podgurska

Il corpo femminile secondo Sasha Podgurska

Tra realismo e surrealismo, le opere mixed media di Daniel Horowitz

Tra realismo e surrealismo, le opere mixed media di Daniel Horowitz

Il fotorealismo monocromatico di Marta Penter

Il fotorealismo monocromatico di Marta Penter

Il cibo come metafora della società dei consumi, nelle fotografie di James Ostrer

Il cibo come metafora della società dei consumi, nelle fotografie di James Ostrer

Guy Catling reinventa la storia con i suoi collages floreali

Guy Catling reinventa la storia con i suoi collages floreali

Gli autoritratti afro di Lina Iris Viktor

Gli autoritratti afro di Lina Iris Viktor

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati