Performance Art ed estetica relazionale. “Awkward Moments Series II” di Marta Armengol

ArtobjectsArt

L’importante ruolo dello spettatore è quello di determinare il peso dell’opera sulla bilancia estetica. In fin dei conti, l’artista non è da solo quando porta a compimento l’atto creativo; c’è anche lo spettatore che stabilisce il contatto fra l’opera e il mondo esterno, decifrando e interpretando le sue qualità profonde, e che, così facendo, aggiunge il proprio contributo al processo creativo.

Marcel Duchamp

Con queste parole, nel 1954, Marcel Duchamp pone le basi per una nuova e diversa concezione dell’opera d’arte, andando al di là della sua oggettività materiale, e della sua fruizione passiva da parte dell’osservatore, e apre le porte a un vasto campo di sperimentazione che porterà, nel corso dei decenni successivi, alla nascita della performance art e delle sue molteplici manifestazioni.

Molto in voga negli anni Sessanta e Settanta, portata alla ribalta dal lavoro di artisti come Allan Kaprow, Carolee Schneemann, Yōko Ono, Yayoi Kusama, Vito Acconci, Joseph Beuys, Nam June Paik e Marina Abramovic, ancora oggi, la “live art” consta di esperienze interessanti e significative, come quella dell’artista multidisciplinare, di origine barcellonese, Marta Armengol che, con la collaborazione della regista e fotografa Carlota Guererro, della compositrice Mimi Xu, e con la produzione creativa di Anna Senno, è l’autrice di “Awkward Moments Series II”, una “Collaborative Life Tutorial Performance”, che combina generi artistici eterogenei – installazione, video, danza – con l’obiettivo di instaurare un’interazione fisica ed emotiva con il pubblico.  

Nell’arco di questa esperienza effimera e autentica, esempio compiuto di arte relazionale, l’astante diventa egli stesso performer, abbandona la sua funzione di mero consumatore estetico, di statico vouyeur dell’opera, per prendere parte attivamente alla pièce artistica, e rapportarsi con l’altro in un coinvolgimento intenso e profondo, nei limiti di un tempo definito ed entro un determinato spazio: una pratica creativa, aperta e compartecipata, che si svolge come un flusso di azioni non pianificate e forzate, ma libere, aleatorie, estemporanee.

Il corpo, attraverso la presenza materiale, l’eloquenza dei gesti e il movimento, è il mezzo espressivo per esplicitare questo dialogo sensibile, questa relazione dinamica che il performer riesce a stabilire con l’osservatore – attore, “l’essere l’uno con l’altro, un fluire dell’Io al Tu”, per dirla alla Turner.

L’atto performativo, strutturato in sei capitoli, Nascita, Esperienza, Amore, Decadimento, Morte e Rinascita, è un incontro intimo tra arte e vita, un intervallo olistico nel quale lo spettatore e il performer, il sentire e l’agire, la comunicazione e la condivisione, si fondono in un unicum indivisibile e irripetibile.

Foto Copyright: Marta Armengol – martarmengol.comawkwardmoments.space

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Marta Armengol, Performance Art.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Le farfalle di Mantra sui muri delle città

Le farfalle di Mantra sui muri delle città

Le affascinanti sculture in marmo di Jacopo Cardillo

Le affascinanti sculture in marmo di Jacopo Cardillo

Colore e sintesi formale. I nudi femminili di Caroline Walls

Colore e sintesi formale. I nudi femminili di Caroline Walls

Thomas Houseago, una nuova figurazione scultorea

Thomas Houseago, una nuova figurazione scultorea

L'arte in collaborazione con le Api, Ava Roth

L’arte in collaborazione con le Api, Ava Roth

I vasi antropomorfi di Clementine Keith-Roach

I vasi antropomorfi di Clementine Keith-Roach

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati