Patricia Zhou, l’arte della danza come espressione del sentimento

ArtobjectsArt

Danzatrice del Royal Ballet di sublime talento, Patricia Zhou è la protagonista di una performance di balletto contemporaneo, di grande potenza interpretativa, presentata in anteprima sulla rivista Ignant.

“Little Treasure”, che l’artista ha scritto e realizzato per onorare la memoria del nonno, al secondo anniversario dalla sua scomparsa, è un’azione scenica delicatissima che, attraverso l’alchimia di sguardi e gesti, con un linguaggio coreografico intimo e dalla personale cifra autoriale, evoca legami familiari e ricordi.

Nella malinconia struggente dell’assolo coreutico, parole e movimenti raccontano una storia, la danza diviene espressione totale dell’io, veicolo dell’inesprimibile, rende tangibili le emozioni, creando un legame empatico tra la performer e lo spettatore.


Little Treasure

Come in una pièce teatrale, in cui danzato, musica e voce si fondono in un’unica ed eufonica composizione, dalla tecnica pura, dalla disciplina e dal controllo del corpo, dall’energia trattenuta di ogni singolo cambré e arabesque, si sprigiona, irrefrenabile e intenso, il sentimento: la performance artistica si fa metafora dell’amore e del dolore, della morte, della vita.

Nata in Canada ma cresciuta negli Stati Uniti d’America, Patricia Zhou ha iniziato a studiare danza professionale all’età di tredici anni, presso la Kirov Academy of Ballet. Ha vinto numerosi concorsi internazionali di balletto, tra cui il Prix de Lausanne, che l’ha portata a lavorare al Royal Ballet all’età di 17 anni. Dopo aver ricevuto un contratto con lo Staatsballett-Berlin, sotto la guida di Vladimir Malakhov, e più tardi di Nacho Duato, Patricia si è trasferita a Berlino, dove, per cinque anni, ha interpretato ruoli da protagonista in molte opere classiche e contemporanee. Attualmente risiede a Los Angeles dove lavora come freelance.

Video: Patricia Zhou/Ignant – vimeo.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Performance Art, Patricia Zhou.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Oltre la fotografia, le opere di Ina Jang

Oltre la fotografia, le opere di Ina Jang

L’incomunicabilità dell’uomo contemporaneo nella pittura di Tony Toscani

L’incomunicabilità dell’uomo contemporaneo nella pittura di Tony Toscani

L'estate in Costa Azzurra di Quentin Monge

L’estate in Costa Azzurra di Quentin Monge

I ritratti a biro di Mark Powell

I ritratti a biro di Mark Powell

Il nudo nella pittura di Johnny Morant

Il nudo nella pittura di Johnny Morant

La pittura fotorealistica di Joshua Suda

La pittura fotorealistica di Joshua Suda

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati