Parigi sotto la lente di Teddy Delcroix

ArtobjectsArt

Fotografo e art director di nazionalità francese, Teddy Delcroix ha fotografato le strade di Parigi con un’approccio inedito, lontano dai soliti cliché legati alla Ville Lumière.

Con sguardo romantico e curioso, e una innata propensione a cogliere i dettagli, Delcroix cattura attimi di vita quotidiana di perfetti sconosciuti, e documenta la vita contemporanea di Parigi e dei suoi abitanti.  

Le fotografie che compongono la serie “My Paris” offrono all’osservatore un’originale visione della capitale francese, e sono una autentica e sentita dichiarazione d’amore per la città.

Paris, my lovely Paris. I both love and hate you.

Your stone cold heart sometimes dampens people who flow into your arteries.

Your cries suffocate my quietude, gimme some air to see more clearly.

Step back so that I can appreciate your greatness.

Stop your mise-en-Seine, just be yourself so I can see you.

Paris, I love you.

Teddy Delcroix

Teddy Delcroix è nato nel 1981 a Hauts de France. Dopo una breve e fortunata carriera da sportivo, si è dedicato alla fotografia. A Parigi dal 2000, ha lavorato nel campo cinematografico fino a diventare capo della Direzione Artistica di Wanda Productions.

Ha collaborato a numerosi progetti, sia nell’ambito pubblicitario che in campo musicale, per marchi prestigiosi e personaggi famosi, quali Dior, Adidas, Mercedes, Madonna, Christine & The Queens.

Foto Copyright: Teddy Delcroix – teddydelcroix.com@teddy.delcroix

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Parigi, Teddy Delcroix.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Il corpo femminile secondo Sasha Podgurska

Il corpo femminile secondo Sasha Podgurska

Tra realismo e surrealismo, le opere mixed media di Daniel Horowitz

Tra realismo e surrealismo, le opere mixed media di Daniel Horowitz

Il fotorealismo monocromatico di Marta Penter

Il fotorealismo monocromatico di Marta Penter

Il cibo come metafora della società dei consumi, nelle fotografie di James Ostrer

Il cibo come metafora della società dei consumi, nelle fotografie di James Ostrer

Guy Catling reinventa la storia con i suoi collages floreali

Guy Catling reinventa la storia con i suoi collages floreali

Gli autoritratti afro di Lina Iris Viktor

Gli autoritratti afro di Lina Iris Viktor

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati