Matrex presentato dall’architetto russo Bernaskoni alla XV Biennale di Architettura a Venezia

ArchiobjectsArchitecture

matrex architecture

E’ in corso fino al 27 novembre 2016, la Biennale di Architettura, evento di fama internazionale che si svolge a Venezia tra l’Arsenale, i Giardini e in diversi punti del centro della città.

Il tema di quest’anno è “Reporting from the Front”, rappresentato sulla locandina da una donna su una scala: un invito a guardare dall’alto, in una prospettiva più ampia, oltre ciò che appare a seguito di un rapido sguardo da uno stesso piano di osservazione.

E’ proprio questa la sfida lanciata dall’architetto Alejandro Aravena, coordinatore e organizzatore dell’esposizione: innovare il ruolo dell’architettura, ponendola al centro della vita dell’uomo e capace di proporre idee e soluzioni in linea con le necessità e i continui mutamenti a cui sono sottoposti i centri urbani a fronte delle emergenze logistico-abitative legate agli importanti flussi migratori.

martex bernaskoni

Un nuovo concetto di “urbanesimo”, dunque, caratterizzato da edifici al servizio della vita dell’uomo e pluri/multifunzionali.

Un egregio esempio di tale concetto è rappresentato dal progetto “Matrex” realizzato dall’architetto russo Bernaskoni, di cui è possibile ammirare, presso l’Arsenale, il plastico prodotto per l’installazione.

Matrex, il cui nome deriva da un gioco di parole tra matryoshka, matrix e rex (dal latino re), è il principale edificio ubicato presso il Skolkovo Innovation Centre a Mosca.

Come espresso dallo stesso architetto Bernaskoni “Il significato dell’edificio MATREX non è nascosto, ed è abbastanza diretto: la bambola matrioska come simbolo di arte e scienza, collocato all’interno di una piramide come simbolo di affari e di potere. Si tratta di una metafora per anima e corpo”.

matrex

E aggiunge inoltre: “La matrioska mi ha attratto con la sua combinazione unica di geometria complessa, la forma minimalista, la natura iconica e contenuto interno nascosto. Praticamente un corpo architettonico ideale. Ma l’architettura necessita più di un corpo. Ha bisogno di contenuti interni, di un’anima. L’architettura non è pareti e non materiali, è quello che formano queste mura…”.

Matrex, infatti, si presenta come una piramide tronca, che si allarga verso il basso, contenente una spirale a forma di matryoshka, famosa bambola della tradizione russa, la cui sagoma viene risalta soprattutto nelle ore notturne, grazie ad un particolare sistema di illuminazione.

La peculiarità della struttura è quella di essere un edificio ibrido, progettato per diverse funzioni, che unisce e combina architettura moderna, arte, tecnologia, scienza e business.

Esso racchiude, infatti, uffici di start-up, museo a spirale (lungo 1 Km), punti di vista panoramici, un teatro di ispirazione greco-romana per eventi culturali e un ristorante da cui è possibile osservare Skolkovo.

matrex section

Matrex è come un’estensione della vita della città, che raccoglie e unisce attivamente funzioni pubbliche e offre ai visitatori un ricco programma annuale di eventi e manifestazioni.

Tale caratteristiche e potenzialità risaltano e si evincono attraverso l’osservazione del plastico in mostra presso l’Arsenale.

Essendo stati riprodotti con notevole cura e dettaglio tutti gli spazi, le persone e persino i garage sottostanti, è possibile immaginare di passeggiare attraverso la struttura visitando i diversi ambienti.

Un progetto stupefacente, di portata internazionale, che ha soddisfatto pienamente la richiesta dell’organizzatore della Biennale, ovvero quella di saper guardare oltre, unendo e conciliando innovazione e tradizione, passato e futuro.

martex-architecture-bernaskoni1
martex-architecture-bernaskoni1

matrex

Foto Copyright: bernaskoni.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Venezia.
Articolo di Bruna Giordano

Bruna Giordano

Ingegnere biomedico, affascinata dal l'innovazione tecnologica, appassionata di arte e di tutto ciò che è espressione dell'uomo e della sua creatività.

Scopri altri post
Il quartiere dei colori nel cuore di Berlino. "Quartier Schützenstraße" di Aldo Rossi

Il quartiere dei colori nel cuore di Berlino. “Quartier Schützenstraße” di Aldo Rossi

La cappella ispirata ad un origami nel paesaggio della Spagna centrale

La cappella ispirata ad un origami nel paesaggio della Spagna centrale

Il Panopticon nella prigione francese di Auntun

Il Panopticon nella prigione francese di Auntun

Majara Residence, il residence dei colori nel mare dell’Iran

Majara Residence, il residence dei colori nel mare dell’Iran

Cabine che scompaiono tra gli alberi

Cabine che scompaiono tra gli alberi

Architetture antropomorfe

Architetture antropomorfe

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati