“Love. l’arte contemporanea incontra l’amore” arriva a Milano

ArtobjectsArt

All you need is love cantavano i Beatles. All you need is love afferma Danilo Eccher, nel presentare la mostra Love: l’arte contemporanea incontra l’amore da poco approdata a Milano.

L’amore siamo noi, ognuno di noi, nel nostro intimo siamo espressione dell’amore.

Dopo il successo romano presso il Chiostro del Bramante, opere di artisti quali Yayoi Kusama, Francesco Vezzoli, Tracey Emin e Vanessa Beecroft sono giunte negli spazi del Palazzo della Permanente di via Turati, raccontando sguardi, suggestioni e poesie con cui indagare il tema universale dell’Amore nelle sue diverse sfaccettature e nelle sue infinite declinazioni.

In ogni sala una fiaba caratterizzata da input visivi e percettivi racconta l’amore felice, atteso, incompreso, odiato, ambiguo, trasgressivo, infantile. Sta al pubblico – vero protagonista della mostra – riconoscere i propri amori, raccogliere le proprie tentazioni e abbracciare le proprie passioni.

Sono 39 in tutto le opere che compongono questo racconto contemporaneo sull’amore: tra i capolavori presenti in mostra spiccano sicuramente LOVE di Robert Indiana, quadrato di lettere che dalla seconda metà del 1900 risiede nell’immaginario di tutti e Marilyn (Reversal Series) di Andy Warhol, icona per eccellenza della bellezza femminile: la più desiderata delle donne con il suo carico di amori infelici.

All’opera di Joana Vasconcelos, Red Independent Heart #3 va ricondotto uno dei momenti più suggestivi della mostra: un gigantesco cuore fatto di posate di plastica rosse che si muove sulle note del fado cantato da Amalia Rodriguez.

Un’opera nata e costruita con materiali semplici e comuni ma vuole far riflettere su temi ben più complessi: la società contemporanea, la condizione femminile e la differenza classista.

Una mostra da ammirare, pensare e riflettere ma anche da cui farsi coinvolgere: ogni ospite sarà infatti invitato a lasciare la propria testimonianza all’interno del percorso espositivo, creando un’opera d’arte nuova e destinata a crescere di giorno in giorno.Foto Copyright | info: LaPermanente

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Articolo di Margherita Villa

Margherita Villa

Studentessa di storia dell'arte. Convinta che la bellezza ci salverà.

Scopri altri post
I disegni a penna blu di Nuria Riaza

I disegni a penna blu di Nuria Riaza

"Suspended”, i dipinti a olio di Chloe Early

“Suspended”, i dipinti a olio di Chloe Early

Il corpo umano nell’opera di Rocío Montoya

Il corpo umano nell’opera di Rocío Montoya

I collage analogici di Cem Ulug

I collage analogici di Cem Ulug

La ceramica di Agnès Debizet per tornare alle origini

La ceramica di Agnès Debizet per tornare alle origini

"My White Trash Family", le lattine dipinte di Kim Alsbrooks

“My White Trash Family”, le lattine dipinte di Kim Alsbrooks

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati