L’emozione dei colori nell’Arte

L'emozione dei colori nell'Arte

Che il colore sia una delle espressioni fondamentali dell’arte visiva e che il suo utilizzo, le sue proprietà fisiche e psico-fisiche e l’impatto sullo spettatore siano materia di interrogazione da parte di artisti, filosofi e psicologi fin dalle più remote origini di queste forme espressive è un dato di fatto.

È risaputo come l’arte contemporanea, in particolare, abbia riscoperto con una nuova consapevolezza e con una nuova curiosità gli effetti sulla mente umana dei colori e delle luci e che ne abbia fatto tema di studio, di dibattito e  di ricerca personale, intrecciando questi fenomeni con quesiti fortemente attuali quale la relatività della percezione umana della realtà, l’emotività e dell’inconscio.

fontana attese

È proprio questo tema di riflessione a rappresentare il filo rosso della mostra ospitata fino al 23 Luglio alla GAM e al Castello di Rivoli a Torino, dal titolo “L’emozione dei Colori nell’Arte”.

Una raccolta di 400 capolavori da musei e collezioni privati di tutto il mondo, in esposizione nei due spazi museali, che raccoglie le opere, i disegni, le installazioni di oltre 130 artisti dal ‘700 ad oggi e che coinvolge e illustra l’influenza che scienziati, pittori, filosofi e pensatori hanno reciprocamente avuto l’uno con l’altro nell’affrontare e nel dare la propria personale risposta ad un aspetto fondamentale dell’espressione artistica figurativa.

La mostra, ideata dalla direttrice dei due musei, Carolyn Christov-Bagargiev, spazia dai Tantra della tradizione Induista, che utilizza il colore per rappresentare i flussi di energia dell’uomo e della natura, agli studi di Giacomo Balla e Fortunato Depero sui colori legati al movimento e al dinamismo del modernismo, passando per Henri Marisse.

musica di gounod annie besant

Opere e artisti di grandissima fama: Paul Klee, Vassily Kandinsky e Lucio Fontana, ma anche nomi meno noti, che hanno fatto dell’utilizzo del colore e del suo potere sulla sensibilità dello spettatore la loro cifra stilistica; un esempio, l’allestimento su tre sale di Carlos Cruz-Diez dal titolo Chromosaturation, una vera e propria immersione di colore per dimostrare la relatività della percezione umana.

Ancora, le forme-pensiero della socialista e teorica della dottrina teosofista Annie Besant, una dottrina che avrebbe avuto grande impatto sul lavoro di pittori quali Mondrian e Kandinsky stesso, il rapporto con la musica di Mikalojus Kostantinas Čiurlionis, l’astrattismo di Mark Rothko, la “pittura industriale” e la follia materica di Pinot Gallizio.

entrata gam torino

Una ricchissima varietà di momenti storici, espressioni artistiche ed esigenze figurative, che ben rappresentano quanto il tema sia profondamente interconnesso con tutti i momento storici della pittura e di come tutti i grandi artisti abbiano dovuto e voluto avere la loro parola, e non solo, sul tema.

Galleria di Arte Moderna di Torino

da Martedì a Domenica: 10.00 – 18.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)

 

Castello di Rivoli

da Martedì a Venerdì: 10.000 – 18.00

Sabato e Domenica: 10.00 – 19.00 (la biglietteria chiude 15 minuti prima)

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search