Le sculture a quattro mani di Coderch e Malavia

L’opera del duo Coderch e Malavia si situa nel solco della tradizione scultoria dei grandi maestri europei. Il loro fare artistico coniuga tecniche tradizionali con attitudini moderne, vi si riconosce l’acuta intensità psicologica di Rodin, il trattamento vigoroso delle superfici di Bourdelle, e la carica drammatica delle opere di Camille Claudel.

Un’energia vitale emana dalle loro sculture, c’è nella levigatezza del modellato tutta la tensione fisica pulsante di membra ben proporzionate, un tremito sembra attraversale, e conferire loro un vigoroso dinamismo, un respiro di umanità, l’idea del movimento.

Opere plastiche dalle forme pure e rotonde, che si caratterizzano per la pienezza dei volumi e la potenza espressiva, statue eccezionalmente vivide che sembrano impegnate in una danza primitiva o ricordano antichi eroi, animate da sentimenti e passioni, come la malinconia, la concentrazione e la sensualità.

Il duo spagnolo interpreta i precetti di armonia ed eleganza compositiva, di equilibrio formale, e le belle linee della scultura classica, con uno spirito e un’iconografia pienamente contemporanei. La figura umana è il perno attorno cui ruota la loro ricerca figurativa ed estetica, soggetti e personaggi sono tratti dal teatro, dal balletto, dalla tauromachia e dalla mitologia.

Lavorando con modelli dal vivo, Joan e Javier modellano dapprima l’argilla, che è in seguito rivestita con una colata di bronzo, con grande accuratezza di particolari e prestando specifica attenzione ai dettagli anatomici, tanto che le pieghe della pelle appaiono vere, plasmano opere di estremo realismo e di profonda forza emozionale.

Joan Coderch è nato a Castellar del Vallès nel 1959, ha studiato scultura all’Università di Belle Arti di Barcellona. Javier Malavia, nato a Oñati nel 1970, si è laureato alla Fine Arts San Carlos University di Valencia. I due lavorano insieme dal 2015, hanno partecipato a numerose mostre individuali e collettive, e si sono aggiudicati molti premi importanti. Una loro opera, il “Don Tancredo”, è esposta nella collezione permanente del MEAM, il Museo di Arte Moderna di Barcellona.

Foto Copyright: Coderch e Malavia – coderchmalavia.blogspot.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search