Le “Dolls Houses” di Ad Minoliti alla Biennale Arte 2019

ArtobjectsArt

ad-minoliti

Le case delle bambole erano usate, fin dal diciassettesimo secolo, come strumento pedagogico, per mostrare alle bambine casette in miniatura dotate, nei minimi particolari, di arredi e utensili, di tutto il necessario per governarle e amministrarle nel migliore dei modi, le istruivano sugli ideali di femminilità e di maternità, un vero e proprio indottrinamento sul ruolo della donna, “angelo del focolare”, madre moglie massaia, confinata entro le mura domestiche, dedita esclusivamente alla cura dell’ambiente familiare e all’allevamento dei figli.

Ad Minoliti impiega la simbologia della casa delle bambole per mettere in discussione la naturalità dell’identità di genere e dell’identità sessuale, il rapporto che lega potere e sessualità, e come critica pungente alle gerarchie sociali, alle diseguaglianze ancora in auge nell’era contemporanea, alle configurazioni opposizionali insite nella cultura occidentale, focus della sua poliedrica pratica artistica, che comprende la pittura, la scultura, le installazioni e la video-art.

L’artista argentina passa dal figurativo all’astrazione pura con grande padronanza, altera e decostruisce l’immagine-archetipo della “casa”, metafora della questione femminile, donandole una configurazione del tutto nuova, e conferendole un senso diverso.

ad-minoliti
ad-minoliti

ad-minoliti

Il fare artistico della Minoliti valica i confini della tela, le sue dolls houses eludono l’apparenza fisica della realtà, sono micro-mondi immaginari costruiti su geometrie intricatissime e ambienti magici, fiabeschi, con una tavolozza ardita che ricorda le pitture di Kandinsky e di Paul Klee.

Ad Minoliti è nata a Buenos Aires nel 1980, si è formata alla Scuola di Belle Arti di P. Pueyrredón. Collabora con il Centro di Ricerca Artistica (CIA – Centro de Investigaciones Artísticas) dal 2009, e nello stesso anno ha co-fondato il gruppo PintorAs, un collettivo femminista di pittrici argentine.

Insieme a Mariana Telleria, Jill Mulleady e Tomás Saraceno, Ad Minoliti è tra gli artisti argentini presenti a Venezia per la Biennale Arte 2019.

ad-minoliti
ad-minoliti
ad-minoliti
ad-minoliti

Foto Copyright: Ad Minoliti – minoliti.com.ar

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Ad Minoliti.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Il corpo femminile secondo Sasha Podgurska

Il corpo femminile secondo Sasha Podgurska

Tra realismo e surrealismo, le opere mixed media di Daniel Horowitz

Tra realismo e surrealismo, le opere mixed media di Daniel Horowitz

Il fotorealismo monocromatico di Marta Penter

Il fotorealismo monocromatico di Marta Penter

Il cibo come metafora della società dei consumi, nelle fotografie di James Ostrer

Il cibo come metafora della società dei consumi, nelle fotografie di James Ostrer

Guy Catling reinventa la storia con i suoi collages floreali

Guy Catling reinventa la storia con i suoi collages floreali

Gli autoritratti afro di Lina Iris Viktor

Gli autoritratti afro di Lina Iris Viktor

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati