L’arte contemporanea sul tema delle migrazioni. “The Other Myself” di Christian Leperino

ArtobjectsInstallations

Artista poliedrico di altissima levatura, cresciuto a Ponticelli, nella periferia est di Napoli, Christian Leperino ha sperimentato, nel corso della sua prolifica produzione artistica, molti e diversi linguaggi, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alla video art, impegnandosi in una ricerca interdisciplinare sul corpo e sulla condizione umana, in relazione al tempo e alle trasformazioni del paesaggio urbano.

Il corpo umano e l’interesse alla tematica attualissima dei fenomeni migratori costituiscono il perno concettuale su cui ruota l’opera The Other Myself, vincitrice nel 2014 del contest ShowYourself@Madre. 

L’artista partenopeo ha dato forma e presenza a storie anonime e senza tempo di esuli erranti, ha restituito un volto agli invisibili. I ventuno calchi in gesso bianco, presenti nella collezione permanente del museo Madre di Napoli, raffiguranti uomini e donne rifugiati, incontrati durante un laboratorio di scultura nel capoluogo campano, personificano l’anima del migrante, portano in nuce tutta una serie di contenuti e simboli semantici: il viaggio, il senso di sradicamento dalla terra natia, dalle radici, il dramma della perdita, le barriere che dividono e, ancora, la compassione e il rispetto, l’umana pietas  per gli ultimi e gli emarginati, l’integrazione, la bellezza della molteplicità e della multiculturalità.

L’opera di Leperino non è, dunque, mero oggetto estetico, ma performance partecipativa della memoria: la materia porta le tracce di un incontro vero tra le persone, dell’ascolto, della condivisione, si fa carico di un bagaglio emotivo pesante, racconta e concretizza, attraverso la valentia poetica e poietica dell’artista, l’odissea degli immigrati, evoca vicende personali che divengono esperienza di tutti, una storia universale nella quale ognuno di noi può immedesimarsi, cercandosi e riconoscendosi nell’altro.

Il titolo è arrivato pensando alle parole di Abraham, mio amico ivoriano, davanti alla sua testa in gesso: ‘è bella, è un altro me’. L’altro me stesso

Christian Leperino

Christian Leperino è nato Napoli nel 1979. Ha esposto il suo lavoro in numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero, e le sue opere sono presenti in prestigiose collezioni museali e spazi pubblici: il Museo MADRE di Napoli, il MMOMA-Moscow Museum of Modern Art di Mosca, l’IICT di Tokyo, la Galleria Civica d’Arte Contemporanea di Suzzara, la Stazione Ferroviaria di Mergellina. Fondatore, nel 2015, di SMMAVE – centro per l’arte contemporanea – di cui è presidente, è docente di “Tecnologia dei Materiali” presso la Scuola di Scultura dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Foto Copyright: Christian Leperino – christianleperino.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Sculptures, Christian Leperino.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Identità e memoria, le installazioni ready-made di Danh Vo

Identità e memoria, le installazioni ready-made di Danh Vo

Arte, moda e natura. Le “Soft Sculptures” di Louise Richardson

Arte, moda e natura. Le “Soft Sculptures” di Louise Richardson

L’arte imita la natura. Le sculture in acciaio di Sun-Hyuk Kim

L’arte imita la natura. Le sculture in acciaio di Sun-Hyuk Kim

Il museo subacqueo alla barriera corallina Australiana

Il museo subacqueo alla barriera corallina Australiana

Natura, cultura, identità. Le installazioni in situ di Xiaojing Yan

Natura, cultura, identità. Le installazioni in situ di Xiaojing Yan

Gli aquiloni di Jacob Hashimoto

Gli aquiloni di Jacob Hashimoto

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati