La New York in bianco e nero di Ugo Mulas

ArtobjectsPhotography

Ugo Mulas si avvicina alla fotografia quasi per caso e, da autodidatta, all’età di 23 anni, inizia a condurre la sua indagine critica nei confronti della società milanese del dopoguerra in cui lui stesso viveva. È in questi anni che Mulas conduce i reportages sulle Biennali di Venezia, e nel 1954 stringe i primi rapporti con le figure che saranno poi decisive per il suo futuro fotografico.

La Biennale del 1964 è stata significativa per Ugo Mulas, viene esposta la Pop Art e numerosi artisti americani vengono presentati al pubblico europeo. Mulas conosce in questa occasione il critico Alan Solomon e Il mercante d’arte Leo Catselli, entrambi ormai molto introdotti nel panorama artistico americano; aiutano Mulas ad avvicinarsi a importanti pittori come Frank Stella, Lichtenstein, Johns, Rauschemberg; e gli permettono di ritrarre importanti presenze come Marcel Duchamp, Andy Warhol e John Cage.

Il lavoro che Mulas raccoglie da questa esperienza in America è “New York: arte e persone” un libro che mette in luce e documenta lo spirito artistico di questi artisti dalla Pop Art all’arte concettuale.

Lo scopo di Mulas è quello di far emergere il pensiero che si cela dietro l’opera compiuta, cercare di cogliere gli artisti nel momento subito prima del loro gesto artistico.

La vicinanza a questo mondo cambia radicalmente la riflessione condotta da Mulas sulla fotografia. Tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70 elabora il progetto “Le Verifiche”, uno studio sulla fotografia stessa, un’analisi dell’operazione fotografica per individuarne gli elementi costitutivi e il loro valore in sé.

Possiamo considerare quest’analisi approfondita del mezzo fotografico molto vicina alle sperimentazioni condotte negli anni ’60 dagli artisti concettuali, gli stessi che lui stesso ha fotografato, conosciuto e analizzato per anni.

Foto Copyright ugomulas

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Ugo Mulas, New York.
Articolo di Agata Bigi

Agata Bigi

Studio solo quello che mi piace, me ne innamoro, e lo racconto agli altri.

Scopri altri post
Tra surrealismo e alienazione. La Los Angeles di Karen Constine

Tra surrealismo e alienazione. La Los Angeles di Karen Constine

Nei meandri della psiche. La fotografia emozionale di Yuki T.

Nei meandri della psiche. La fotografia emozionale di Yuki T.

Il corpo come oggetto nella fotografia di Joanne Leah

Il corpo come oggetto nella fotografia di Joanne Leah

La fotografia come oggetto fisico, Little Romances di Jordanna Kalman

La fotografia come oggetto fisico, Little Romances di Jordanna Kalman

Mariell Amélie, autoritratti concettuali tra natura e surrealtà

Mariell Amélie, autoritratti concettuali tra natura e surrealtà

Soft Interface, i puzzle fotografici di Maria Antelman

Soft Interface, i puzzle fotografici di Maria Antelman

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati