La miopia delle città del movimento moderno e dei suoi maestri

ArchiobjectsArchitecture

unite d'habitation Le Corbusier
Vista dal tetto “abitabile” dell’Unitè d’habitation di Le Corbusier a Marsiglia. Sullo sfondo è possibile ammirare alcuni edifici che fanno da contorno alla città innestandosi con rispetto nel paesaggio. Tali edifici traggono quasi sicuramente ispirazione delle idee del movimento moderno. Foto di Luca Onniboni.

La miopia delle città del movimento moderno è un post che scrissi ai tempi dell’università per la prima volta mi “scontrai” approfonditamente con le teorie della pianificazione urbana del movimento moderno e dei suoi esponenti.

Questo post può quindi considerarsi una riflessione di uno studente di architettura non troppo affine a queste teorie che, cercando di trovare un suo percorso, le critica aspramente e arrogantemente come solo i giovani sognatori sanno fare. Orgoglioso di averlo scritto, seppure oggi sarei più pacato nell’esprimere la mia contrarietà, non posso che essere di nuovo d’accordo. Pur rispettando e ammirando totalmente tutti gli incredibili maestri che hanno fatto la storia dell’architettura dell’ultimo secolo.


I contenuti della Carta di Atene del 1933 furono da subito molto chiari. Il testo chiaro e semplice fu una sorta di manifesto capace di diffondersi capillarmente nell’ambito della progettazione urbana internazionale.

I maestri dell’architettura moderna, guidati dall’indiscusso protagonista Le Corbusier, individuarono le funzioni minime e primarie dalle quali – e per le quali – una città doveva essere concepita.

Le Corbusier
Le Corbusier

Essi arrivarono a tali conclusioni analizzando l’esistente. Cioè il passato. Il processo che li portò a formulare le teorie della zonizzazione, della meccanizzazione della città e i dei successivi progetti fu quello di riferirsi alla storia; ovvero osservare e constatare che la città contemporanea (di inizio novecento) presentava dei problemi.

Da questa analisi dei fatti sancirono delle leggi per indicare un unico rimedio, per molti versi definitivo e poco flessibile, che sarebbe anche potuto andare bene per il resto dei giorni della vita dell’uomo sulla terra.

Questo è stato il più grande errore. Pensare che la città, e soprattutto i cittadini, fossero statici, che non vi fosse la possibilità di alcuna evoluzione nelle dinamiche della vita dell’uomo.

Movimento moderno
Ville Radieuse, Le Corbusier

L’idea di Le Corbusier, nel suo progetto “Le Ville Radieuse” del 1935 rappresenta chiaramente una città concepita come una catena di montaggio, essa non si preoccupa delle relazioni che verranno al suo interno, ne tantomeno le incentiva. Quello che appare è un agglomerato urbano ben distinto in ogni sua parte. Con questo progetto, l’architetto che maggiormente ha influenzato le correnti del 900 architettonico, sembrava volesse proporre l’ultima e definitiva idea di città, tanto che avrebbe raso al suolo gran parte del centro storico di Parigi per rimpiazzarlo con i più ordinati quartieri dell’abitazione, del lavoro e del tempo libero.

Plan Voisin Paris 1925 Le Corbusier
Plan Voisin a Parigi, l’idea di Le Corbusier di radere al suolo parte del tessuto urbano di Parigi per costruire una nuova idea di città. Anche Haussman ne sarebbe meravigliato.

Mai come negli ultimi anni possiamo constatare come questa visione fosse sbagliata e poco lungimirante, la cosiddetta “città moderna” ha infatti fallito il suo compito ed è stata ampiamente messa da parte già a partire dagli anni 70. Il progetto fallimentare di public housing dell’architetto Yamasaki a Pruitt–Igoe, St. Louis nel Missouri (1954) ne è una prova lampante. Ispirato a questi insegnamenti e demolito per successo/felicità degli abitanti non pervenuti.

Pruitt Igoe
Una vista aerea del complesso di Social Housing Pruitt-Igoe. Per molti il fallimento era annunciato in partenza. Da segnalare il documentario “The Pruitt-Igoe Myth” del 2011 che ne racconta la vicenda.

Oggi le città sono in evoluzione, con lo scoppio della new economy e con l’arrivo di internet molte cose sono cambiate, i cittadini non sono più gli stessi di mezzo secolo fa, il concetto di rete e comunicazione pervade il mondo socio-economico.

Un pianificatore ha l’obbligo di guardare al futuro e favorire lo sviluppo in più direzioni della città e delle sue utenze, senza porre dei paletti o assegnare ruoli in una catena di montaggio di un macchinario mai messo in moto.

Ville Radieuse in New York
Una vista di un possibile innesto a New York! (in questo caso è un fotomontaggio postumo e NON si tratta di un’idea originale di Le Corbusier) – via architizer.com

Foto copyright: Wikimedia Commons, Le Corbusier

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Le Corbusier, movimento moderno.
Articolo di Luca Onniboni

Luca Onniboni

Autore e fondatore di Objects., Archiobjects e Marketing For Architects. Esperto in comunicazione e appassionato di Architettura, Design e Marketing. E' anche un consulente, un nuotatore, un motociclista e un instancabile ricercatore

Scopri altri post
Un landmark vivibile, il Loop of Wisdom Museum

Un landmark vivibile, il Loop of Wisdom Museum

Aldo Rossi e la sua architettura teorica oltre la Scuola di Milano

Aldo Rossi e la sua architettura teorica oltre la Scuola di Milano

Cini Boeri, architetto e designer ma soprattutto donna

Cini Boeri, architetto e designer ma soprattutto donna

Alloggi collettivi per polli, Kengo Kuma

Alloggi collettivi per polli, Kengo Kuma

I pattern di architettura e geometria astratta

I pattern di architettura e geometria astratta

Carlo Scarpa, le tappe della vita di un maestro dell’Architettura

Carlo Scarpa, le tappe della vita di un maestro dell’Architettura

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati