La fotografia messa in scena di Sandy Skoglund

ArtobjectsInstallations

Artista americana, tra le più brillanti interpreti della staged photography contemporanea, Sandy Skoglund realizza fotografie allestite, che accolgono lo spettatore in un mondo magico e straniante, al confine tra verità e finzione.

Quello della Skoglund è un linguaggio visionario, prossimo al non-sense, denso di significati e di simbolismi, che valica l’orizzonte semantico della fotografia, e che attraverso l’uso di espedienti estetici attinti dalla pittura e dal cinema, sfrutta le potenzialità narrative e illusionistiche del mezzo.

La Skoglund utilizza la fotografia quale strumento d’espressione per tradurre l’immaginazione in realtà: come un pittore, un novelliere o un regista, mette in scena delle vere e proprie performance teatrali, pantomime stravaganti, improbabili, talvolta inquietanti, che reifica e cristallizza in frames di surreale bellezza.

Nascono così opere come “Babies at paradise pond”, un ameno paesaggio lacustre invaso da una miriade di sculture di neonati a grandezza naturale, o “Cats in paris”, in cui compaiono un gruppo di felini di colore verde acido, o ancora “Gathering paradise”, un patio rosa shocking popolato da scoiattoli neri modellati in resina epossidica.

Tutte le immagini di Sandy Skoglund sono frutto di interventi reali sullo spazio, che è luogo di costruzione dell’immaginario, della fabula.

Dietro ogni ritratto si cela un procedimento artigianale, accurato e paziente, che può durare settimane, perfino mesi, e che trasforma ambienti ordinari e oggetti quotidiani, in visioni, allo stesso tempo, poetiche e agghiaccianti, colossali installazioni ambientali orchestrate dall’artista con perizia maniacale, in ultimo fotografate e stampate, senza l’ausilio di tecniche di manipolazione digitale.

Nata a Quincy, nel Massachusett, nel 1946, Sandy Skoglund vive e lavora a New York. Ha studiato arte all’Università dell’Iowa e storia dell’arte alla Sorbonne.

Foto Copyright: Sandy Skoglund – sandyskoglund.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Performance Art, Sandy Skoglund.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Il corpo come oggetto, le opere “domestiche” di Csilla Klenyanszki

Il corpo come oggetto, le opere “domestiche” di Csilla Klenyanszki

Un inno alla speranza. Chila Kumari dà un nuovo volto alla Tate Britain

Un inno alla speranza. Chila Kumari dà un nuovo volto alla Tate Britain

Il favoloso mondo dell’infanzia nelle sculture di Lene Kilde

Il favoloso mondo dell’infanzia nelle sculture di Lene Kilde

La Sand Art di Andres Amador sulle spiagge californiane

La Sand Art di Andres Amador sulle spiagge californiane

Identità e memoria, le installazioni ready-made di Danh Vo

Identità e memoria, le installazioni ready-made di Danh Vo

L’arte contemporanea sul tema delle migrazioni. “The Other Myself” di Christian Leperino

L’arte contemporanea sul tema delle migrazioni. “The Other Myself” di Christian Leperino

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati