La fotografia come terapia, la favola del “Piccolo principe” di Matej Peljhan

ArtobjectsPhotography

Fotografo sloveno, nato nel 1967 nella Valle di Vipana, Matej Peljhan è l’autore di un commovente progetto fotografico ispirato al “Piccolo principe”, uno dei classici più amati di tutti i tempi, racconto poetico dello scrittore francese Antoine de Saint-Exupéry.

Protagonista della serie “The Little Prince” è Luka, un bambino di dodici anni affetto da atrofia muscolare spinale, una malattia invalidante che riduce progressivamente le capacità motorie del ragazzo, costringendolo su una sedia a rotelle e impedendogli di compiere anche le più semplici attività quotidiane.

Senza ricorrere a tecniche di postproduzione digitale, traendo spunto dalle fantasie di Luka, Peljhan sfrutta le possibilità illusorie del mezzo fotografico per ritrarlo in una serie di azioni, come camminare, ballare, nuotare, che gli sono precluse nella vita ma, che grazie a una prospettiva differente e a un pizzico di immaginazione, diventano reali, regalando al bambino un sogno di normalità e spensieratezza.

In spite of the physical handicap, Luka was an exceptionally creative boy. Ideas kept on boiling from his rich world of imagination, without acknowledging any limits. On paper, he was constantly drawing different motives on his computer, he was designing logotypes, writing texts, recording hip hop music, editing videos… He was acquainted with his disease and knew what it meant for him and for his future, however, he didn’t expect pity or sympathy. He stayed positive, witty, focused on the present and on what he could do in life. Once, in one of our conversations, he expressed a wish to see himself in the photographs, walking, swimming, dancing and doing several other things he was unable to do in life.

Matej Peljhan

All’età di dieci anni, mentre gioca con i suoi amici, Matej Peljhan perde un occhio e la mano destra a causa di alcuni ordigni esplosivi della seconda guerra mondiale. Dopo un lungo periodo di riabilitazione, studia Psicologia all’Università di Lubiana. Dal 2009 pratica la fotografia come strumento terapeutico per alleviare le sofferenze degli ammalati, ed è cofondatore dell’Istituto di Terapia Fotografica. Attualmente vive e lavora a Lubiana.

Foto Copyright: Matej Peljhan – matejpeljhan.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Matej Peljhan.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
La bellissima città giapponese Kamakura fotografata ad infrarossi

La bellissima città giapponese Kamakura fotografata ad infrarossi

Hola Mi Amol, i ritratti maschili di Karla Hiraldo Voleau

Hola Mi Amol, i ritratti maschili di Karla Hiraldo Voleau

Corpo umano e natura, gli esercizi visivi di Alicja Brodowicz

Corpo umano e natura, gli esercizi visivi di Alicja Brodowicz

Tutta la bellezza delle Dolomiti in bianco e nero

Tutta la bellezza delle Dolomiti in bianco e nero

Privé, il diario fotografico di Arturo Bamboo

Privé, il diario fotografico di Arturo Bamboo

Cosa può fare un padre creativo per la nascita della propria figlia

Cosa può fare un padre creativo per la nascita della propria figlia

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati