La biglietteria d’ingresso alla Biennale di Venezia di Carlo Scarpa

ArchiobjectsArchitecture

In occasione della XXVI Biennale di Venezia, nel periodo 1951-52, Carlo Scarpa fu incaricato di progettare e realizzare una serie di interventi e sistemazioni tra cui il nuovo ingresso e la nuova biglietteria.

Il requisito del progetto, dettato dall’allora segretario generale Rodolfo Pallucchini, era quello di non creare una struttura che ostacolasse la vista prospettica del grande vialone di accesso ai giardini di Castello. Una struttura leggera e permeabile alla vista quindi. Carlo Scarpa progettò un’architettura definita da un corpo circolare sormontata da una pensilina con profilo a mandorla.

La struttura, in pezzi smontabili, è costituita da una piattaforma e da un basamento in lastre di cemento lavato – le quali sono state usate anche per le recinzioni tutt’attorno, mentre la parte superiore al basamento è totalmente in vetro e montanti in ferro rivestiti con diverse essenze lignee. Il tutto è “inglobato” al di sotto della pensilina e della sua struttura – tre pilastrini a sezione cruciforme che unendosi in una struttura a y sostengono un telaio di balestre di legno di frassino e teli in tessuto.

Visita Archweb.com per vedere un album completo e dettagliato della La biglietteria d’ingresso alla Biennale di Venezia di Carlo Scarpa.

Foto Copyright: Foto di copertina Luca Onniboni – le altre foto di archweb.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Carlo Scarpa.
Articolo di Luca Onniboni

Luca Onniboni

Autore e fondatore di Objects., Archiobjects e Marketing For Architects. Esperto in comunicazione e appassionato di Architettura, Design e Marketing. E' anche un consulente, un nuotatore, un motociclista e un instancabile ricercatore

Scopri altri post
Hub of Huts, l'architettura sottosopra in Valdaora

Hub of Huts, l’architettura sottosopra in Valdaora

Vivere in una casa stampata in 3D

Vivere in una casa stampata in 3D

Il quartiere dei colori nel cuore di Berlino. "Quartier Schützenstraße" di Aldo Rossi

Il quartiere dei colori nel cuore di Berlino. “Quartier Schützenstraße” di Aldo Rossi

La cappella ispirata ad un origami nel paesaggio della Spagna centrale

La cappella ispirata ad un origami nel paesaggio della Spagna centrale

Il Panopticon nella prigione francese di Auntun

Il Panopticon nella prigione francese di Auntun

Majara Residence, il residence dei colori nel mare dell’Iran

Majara Residence, il residence dei colori nel mare dell’Iran

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati