I capolavori della pittura svuotati dei loro personaggi da Jose Manuel Ballester

ArtobjectsArt

Senza i loro protagonisti le opere diventano luoghi dove il racconto è senza tempo. La storia si è già svolta oppure no?

È quanto ha provato a fare l’artista e fotografo Jose Manuel Ballester. Ha eliminato ogni elemento di primo piano nelle opere d’arte più famose al mondo per portare alla luce gli sfondi. Il fotografo madrileno ha semplicemente colto la poetica dei paesaggi, che nel suo lavoro non rappresentano solo un dettaglio ma il perno stesso dell’opera.

Di certo destabilizza vedere la tavola imbandita dell’ “Ultima Cena” senza commensali, la stanza vuota dell’ “Annunciazione” di Leonardo senza la Vergine e l’Angelo e una conchiglia galleggiante senza la “Nascita di Venere” di Botticelli. In queste opere, lo sfondo non è più solo un contenitore o uno sguardo secondario, ma diventa il protagonista assoluto.

Un fermo immagine dove tutto può accadere; ed è lo stesso spettatore, lasciato con la sua immaginazione, a ripopolare quello scenario, creando una nuova e propria storia.

Foto Copyright: josemanuelballester

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Jose Manuel Ballester.
Articolo di Giulia Venturini

Giulia Venturini

Adoro passeggiare per le città d'arte, visitare musei e gallerie; sono costantemente attratta dalla bellezza in ogni sua forma e colore

Scopri altri post
Il bucato al pascolo di Helga Stentzel

Il bucato al pascolo di Helga Stentzel

Pep Vidal, tra fisica e estetica

Pep Vidal, tra fisica e estetica

Arte e femminismo, le opere di Shary Boyle

Arte e femminismo, le opere di Shary Boyle

Fotografia, puzzle e origami. I ritratti di Alma Haser

Fotografia, puzzle e origami. I ritratti di Alma Haser

Iperrealismo scultoreo, le nuotatrici di Carole A. Feuerman

Iperrealismo scultoreo, le nuotatrici di Carole A. Feuerman

Il vino rappresentato nell’Arte

Il vino rappresentato nell’Arte

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati