Fotografia e scultura, le opere di Naia del Castillo

ArtobjectsInstallations

Artista multidisciplinare di origine basca, Naia del Castillo combina immagini fotografiche e sculture, per realizzare installazioni in situ che descrivono tematiche sociali e di genere.

L’operato artistico della Castillo si sviluppa, in prevalenza, attorno al mondo femminile, alla questione degli stereotipi estetici e al ruolo della donna nella società contemporanea.

Le sue opere – a un tempo, formali e concettuali, composte da ritratti e oggetti-scultura, che sono adoperati dall’artista sia come strumenti di scena per le sue fotografie, sia come elementi-simbolo, a corredo delle immagini all’interno dell’installazione – sottendono una pungente riflessione sulla costruzione dell’identità, sulla profonda ambiguità della condizione femminile, sulla figura della donna ingabbiata tra l’essere angelo del focolare e seduttrice, ancora oggi subordinata a paradigmi sessisti.

Naia del Castillo è nata a Bilbao nel 1975. Dopo la laurea in Belle Arti, con una specializzazione in Scultura, presso l’Università dei Paesi Baschi, ha conseguito un master al Chelsea College of Art & Design di Londra. Ha esposto le sue opere in numerose mostre personali e collettive a livello nazionale e internazionale, negli Stati Uniti, in America Latina, in Europa e Asia, tra gli altri, al National Museum of Photography di Copenhagen, allo Stenersen Museum di Oslo, al Kuntsi Museum of Modern Art di Vaasa, e le sue fotografie sono presenti nelle collezioni permanenti della Maison Européenne della Photographie Ville de Paris, del Museo delle Belle Arti di Houston, del Museo Nazionale del Prado, del Museo del Centro Nazionale d’Arte Reina Sofía, del Museo di arte moderna e contemporanea di Santander.

Foto Copyright: Naia del Castillo – naiadelcastillo.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Sculptures, Naia del Castillo.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
Le soft sculptures di Hoda Zarbaf

Le soft sculptures di Hoda Zarbaf

The future is an invisible playground. Le poesie di luce di Robert Montgomery

The future is an invisible playground. Le poesie di luce di Robert Montgomery

Verso l'infinito e oltre. Le Infinity Rooms di Yayoi Kusama

Verso l’infinito e oltre. Le Infinity Rooms di Yayoi Kusama

La monumentale scultura di Daniel Popper che apre il suo petto per rivelare un tunnel coperto di felci

La monumentale scultura di Daniel Popper che apre il suo petto per rivelare un tunnel coperto di felci

Il corpo come oggetto, le opere “domestiche” di Csilla Klenyanszki

Il corpo come oggetto, le opere “domestiche” di Csilla Klenyanszki

Un inno alla speranza. Chila Kumari dà un nuovo volto alla Tate Britain

Un inno alla speranza. Chila Kumari dà un nuovo volto alla Tate Britain

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati