Escher e l’impossibile in mostra a Milano

ArtobjectsArt

L’impossibile ha fascino, punto.

Così come il sogno: suscita in noi meraviglia, stupore, ci diverte e ci toglie il respiro.

La mostra di Palazzo Reale di Milano è studiata nei particolari, attraverso un percorso che affronta i diversi lavori dell’ incisore olandese.

È un gioco continuo che cerca di inebriare i sensi e mettere in difficoltà il visitatore.

Ha l’unica pecca di essere così tanto studiata da sembrare per certi versi troppo lineare. Solo in questo senso mi sarei aspettato qualcosa di ancora più energico e coinvolgente.Ha il pregio (non così scontato, anzi enorme) di fare apprezzare il genio dell’artista, di incuriosire e di far comprendere l’influenza che le opere di Escher hanno avuto.Da “Inception” ai “Simpson”, da “Una notte al museo” ai “Pink Floyd”. Legacy, eredità.

Un artista che lascia un lascito, che viene reinterpretato e utilizzato da altri “grandi”, è un artista, ma ancora di più un uomo, che ha fatto centro.

Per maggiori info: www.mostraescher.itFoto Copyright: Artslife

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Articolo di Mattia Airoldi

Mattia Airoldi

Consulente aziendale | Appassionato d’arte, di cinema e d’innovazione #getahead

Scopri altri post
I disegni a penna blu di Nuria Riaza

I disegni a penna blu di Nuria Riaza

"Suspended”, i dipinti a olio di Chloe Early

“Suspended”, i dipinti a olio di Chloe Early

Il corpo umano nell’opera di Rocío Montoya

Il corpo umano nell’opera di Rocío Montoya

I collage analogici di Cem Ulug

I collage analogici di Cem Ulug

La ceramica di Agnès Debizet per tornare alle origini

La ceramica di Agnès Debizet per tornare alle origini

"My White Trash Family", le lattine dipinte di Kim Alsbrooks

“My White Trash Family”, le lattine dipinte di Kim Alsbrooks

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati