Ambiente e Street Art, i murales acquatici di Sean Yoro

ArtobjectsArt

murales acquatici di Sean Yoro

Sean Yoro, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Hula, street artist di origini hawaiane, che vive a New York, ha rivoluzionato le regole dell’arte di strada con una serie di murales realizzati a fior d’acqua, sulle pareti di vecchi edifici abbandonati, ritratti di giovani donne che affrontano tematiche legate all’ambiente.

Unendo l’amore per la natura e la passione per la street art, colori e pennelli alla mano, Sean crea le sue opere restando in equilibrio su una tavola da surf e, impiegando solo pigmenti ecologici miscelati con olio vegetale, usato come legante in sostituzione di sostanze acriliche, dipinge fanciulle bellissime che si riflettono sullo specchio dell’acqua e da essa sembrano emergere come misteriose creature marine.

Hula ha fatto dell’arte il mezzo per sensibilizzare le persone sui danni causati dall’uomo all’habitat naturale e ai problemi ambientali che affliggono il nostro pianeta, l’inquinamento, la cementificazione incontrollata, il riscaldamento globale, la sua è una Street Art “green”, al servizio della terra, che sfrutta il suo potente valore immaginifico per smuovere le coscienze e sollecitare l’opinione pubblica.

murales acquatici di Sean Yoro
murales acquatici di Sean Yoro
murales acquatici di Sean Yoro
murales acquatici di Sean Yoro
murales acquatici di Sean Yoro

Per il suo ultimo progetto, “Deep Seads”, che ha richiesto una preparazione di oltre un anno e un costante allenamento, realizzato in collaborazione con il fratello gemello Kapu, abile fotografo con il quale ha dato vita al Collettivo Kapu, Hula sfida i suoi limiti fisici e mentali, tuffandosi dalla tavola e affrescando in immersione sotto la superficie dell’acqua.

Sulle pareti di costruzioni dissestate, che utilizza come fossero tele gigantesche, e con tecniche e materiali adatti a non inquinare l’ambiente, che tuttavia hanno lo svantaggio di degradarsi facilmente in natura, l’artista hawaiano si cimenta in graffiti di durata effimera che hanno come focus la salute e la sorte delle barriere coralline, e sono un messaggio di speranza affinché una profonda consapevolezza ambientalista possa ricondurre l’ecosistema terrestre a un nuovo equilibrio.

Combining both my art and environ mental passions happened almost by accident at first, when I started creating murals along ocean walls. I always had underlying messages of sustainability and awareness, but this was the first concept I could literally combine these two aspects of my life influences into one. Every project since then has seamlessly integrated both values into their own unique stories naturally.

– Sean Yoro

murales acquatici di Sean Yoro
murales acquatici di Sean Yoro

Foto Copyright: Kapu Collective-kapucollective.com

Unisciti ad una grande community
segui OBJECTS.
Tag: Street Art, Sean Yoro.
Articolo di Alessia Cortese

Alessia Cortese

Fotografa freelance. Aspirante giramondo. Perdutamente innamorata di Max Ernst, Jane Austen e Georgia O'Keeffe. La musica è il mio pane quotidiano.

Scopri altri post
I disegni a penna blu di Nuria Riaza

I disegni a penna blu di Nuria Riaza

"Suspended”, i dipinti a olio di Chloe Early

“Suspended”, i dipinti a olio di Chloe Early

Il corpo umano nell’opera di Rocío Montoya

Il corpo umano nell’opera di Rocío Montoya

I collage analogici di Cem Ulug

I collage analogici di Cem Ulug

La ceramica di Agnès Debizet per tornare alle origini

La ceramica di Agnès Debizet per tornare alle origini

"My White Trash Family", le lattine dipinte di Kim Alsbrooks

“My White Trash Family”, le lattine dipinte di Kim Alsbrooks

Leggi e guarda tutto il resto nelle categorie Designobjects, Artobjects, Fashionobjects, Archiobjects, Ecoobjects e Lifeobjects.

Iscriviti alla newsletter

Ho letto la Privacy policy e acconsento al trattamento dei dati